Cupido-Wong, il consigliere lancia lo speed-date per la festa degli innamorati cinese: “Un incontro per i giovani alla ricerca dell’anima gemella”

Una sorta di San Valentino in salsa cinese, una festa degli innamorati, ma per i futuri innamorati. Il settimo giorno del settimo mese lunare – cioè, secondo il calendario lunare di quest’anno, il 25 agosto – cade in Cina il Qixi e il consigliere comunale Marco Wong per l’occasione ha deciso di organizzare a Prato un vero e proprio speed date sulla piattaforma Zoom destinato “ai giovani alla ricerca dell’anima gemella”, come scrive sulla sua pagina Facebook. Si tratta di un incontro virtuale in cui i giovani possono stringere qualche bella amicizia e auspicabilmente, trovare l’amore della propria vita. Per la verità non sono stati messi limiti di età ai partecipanti, e nemmeno di nazionalità. “E’ un’iniziativa aperta a tutti, italiani e cinesi – spiega il consigliere Wong, che si è avvalso della collaborazione delle varie associazioni cinesi per la comunicazione dell’evento tra i giovani orientali residenti a Prato -; certo, avverto in partenza che ci saranno dei ragazzi cinesi che parlano poco italiano”. L’appuntamento è per il 25 agosto alle ore 21.30: sarà possibile partecipare cliccando sul link che apparirà sull’evento Facebook “Qixi speed date”. L’iniziativa ospiterà un massimo di 40 ragazze e di 40 ragazzi, gli uni e gli altri si potranno incontrare in una sorta di stanza virtuale. Come spiega Wong, l’idea è nata dal desiderio di “creare qualche bella occasione di incontro per i più giovani, a lungo isolati dai loro coetanei a causa del Coronavirus”. Oltretutto, come riferisce ancora il consigliere, il Qixi nasce da una leggenda cinese che ben si sposa con la tradizione della nostra città: la festa degli innamorati orientale vien fatta risalire alla storia d’amore tra la principessa delle stelle e un allevatore di buoi. I due vengono divisi dal padre della principessa e dalla separazione dei due innamorati nasce la via Lattea. “Ma la principessa delle stelle in realtà è una tessitrice che cuce le stelle nel tessuto del cielo – spiega Wong – e allora quale migliore città di Prato, città del tessuto, per ospitare il Qixi?”.

LS

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*