Il vescovo Nerbini ha celebrato messa in San Domenico e invitato a pregare per don Provenzi, ricoverato al centro ustionati di Pisa

Il vescovo Giovanni Nerbini questa mattina ha celebrato la messa festiva in San Domenico, la parrocchia retta da don Luigi Provenzi, l’anziano sacerdote che si trova ricoverato a Pisa a causa delle gravi ustioni riportate ieri. Monsignor Nerbini ha voluto sostituire personalmente il parroco, che a causa di un malore è caduto sulle braci ardenti di un fuoco acceso per bruciare delle sterpaglie. Il Vescovo ha informato i parrocchiani sulle condizioni di salute di don Provenzi: stabili ma purtroppo gravi.

“La prognosi è riservata – ha detto monsignor Nerbini ai presenti – don Luigi è sedato e intubato, i medici si riservano una valutazione più precisa nei prossimi giorni. Prima di essere trasferito a Pisa ha dovuto subire un intervento al cuore, perfettamente riuscito, e poi è stato portato al centro grandi ustionati. A tutti chiedo di pregare affidando don Luigi al Signore in questo momento così difficile e critico”. Analogo invito è stato girato a tutti i sacerdoti della Diocesi di Prato.

Al termine della messa, celebrata nel chiostro di San Domenico, il Vescovo ha chiesto ai parrocchiani ampia collaborazione affinché la parrocchia di San Domenico possa continuare nelle sue attività. Nell’antico complesso hanno le loro sedi l’Azione Cattolica diocesana, il Gruppo Storico San Domenico – promotore di molte iniziative culturali – e la Conferenza di San Vincenzo de Paoli che si occupa di carità e assistenza dei bisognosi. Tutte queste realtà si sono dette disponibili a continuare nei loro rispettivi impegni nonostante il momento difficile che sta vivendo la comunità parrocchiale.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*