Iscrizione anagrafica dei senza fissa dimora nel comune di Prato, protocollata mozione della consigliera Norcia (Demos)

La consigliera comunale di Demos Silvia Norcia ha protocollato una mozione affinché vengano definite con maggiore chiarezza le modalità di iscrizione anagrafica per i senza fissa dimora sul nostro territorio: intervento necessario affinché l’accesso a tale diritto sia garantito e vengano supportati gli operatori dei servizi del territorio nell’accompagnamento delle persone nei percorsi di reinserimento socio-lavorativo. Questa mozione, insieme alla sentenza della Corte Costituzionale del 9 luglio 2020, che dichiara l’illegittimità del “decreto sicurezza” in merito all’accesso al diritto della residenza per i richiedenti asilo e ristabilisce le disposizioni vigenti anteriori all’entrata in vigore dello stesso decreto, permette al comune di Prato di far avanzare il lavoro già svolto dal territorio e di prevedere interventi che vadano a rafforzare inclusione e percorsi di cittadinanza. “I dati riportati dal dormitorio gestito dall’associazione Giorgio La Pira, dovrebbero farci riflettere – afferma la consigliera Norcia -. Il dormitorio è un servizio indispensabile per la nostra città, insieme al nuovo centro diurno e al servizio di mediazione di strada, per il quale andrebbe previsto un implemento orario. Temo però che i dati in diminuzione rispetto all’accesso, non siano necessariamente un indice positivo, e non è detto corrispondano a una diminuzione del bisogno ma da dati di contesto. Tante le persone che sono entrate in condizioni di irregolarità a causa di un sistema normativo che favorisce questa condizione e che di conseguenza non hanno potuto accedere ai servizi. I dati vanno sempre accompagnati da una lettura complessiva”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*