Punzoni, stampaggi, incisioni: ecco come “rinasce” il gigliato medievale di Prato VIDEO

Il gigliato pratese in argento è il dono che il Comune di Prato consegna ai cittadini centenari. In questi giorni, dalla storica azienda fiorentina Picchiani e Barlacchi, che da tanti anni cura la fornitura, sono uscite 75 riproduzioni della moneta medievale raffigurante il re Roberto d’Angiò. Siamo andati nei laboratori della ditta (nata a inizi del Novecento) per conoscere come – tra punzoni, coni, stampaggi, incisioni e trattamenti nel reparto galvanico –  nascono i gigliati d’argento.

Riprese di Filippo Sileci. Servizio e montaggio di Dario Zona 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*