Amore e pazzia, le due parole d’ordine di fra Daniele ordinato sacerdote dal vescovo Nerbini VIDEO

«La vocazione è questione di fede e di amore, volersi fidare e affidarsi a quell’amore di cui si è fatto esperienza e anche un po’ la pazzia di scommettere tutto». Amore e pazzia. Sono le due leve che hanno sconvolto la vita di Daniele Sciacca, 34 anni, frate minore conventuale ordinato sacerdote per le mani del vescovo Giovanni Nerbini.

Per lui la chiamata è arrivata durante un campo estivo con i ragazzi della parrocchia ma la decisione di entrare in convento, ad Assisi, è stata presa dopo la laurea in Giurisprudenza. Ed è alla Castellina che è iniziato per il futuro fra Daniele il cammino di crescita spirituale che lo ha portato a diventare frate. Per questo ha scelto di essere ordinato a Prato, nella sua chiesa parrocchiale.

Quella di fra Daniele è stata la prima ordinazione sacerdotale di monsignor Nerbini da quando è vescovo di Prato. La messa è stata concelebrata da molti sacerdoti e frati francescani, tra questi anche il provinciale padre Franco Buonamano.

La prima messa di fra Daniele sarà celebrata domani nella chiesa della Castellina alle ore 11,15.

 

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*