Festa dei nonni, alla Rsa di Cicignano le orchidee “sospese” regalano un sorriso a chi ha più sofferto per il Covid-19 VIDEO

Un’ orchidea per portare un sorriso a chi ha più sofferto in questo periodo di emergenza sanitaria, i nonni delle Rsa, costretti ad un isolamento forzato per proteggersi dal virus. Questa mattina il sindaco di Montemurlo, Simone Calamai- insieme all’assessore Alberto Fanti e alla presidente di Unicef Prato, Laura Badiani e Simona Rosati di Unicef- si è recato all’Rsa di Cicignano per consegnare, in occasione della festa dei nonni, le orchidee “sospese” dell’Unicef. Ad accogliere il dono c’era la responsabile della struttura Francesca Talamazzi. Si tratta di un’iniziativa realizzata a livello nazionale che si doveva svolgere a marzo scorso e slittata all’autunno a causa dell’emergenza Covid. In questi mesi in tanti hanno donato il corrispettivo del costo di un’orchidea Unicef, senza ritirare il fiore. Tutte le orchidee sospese sono state così donate dall’Unicef alle nonne e ai nonni ospiti di ospedali e residenze per anziani. Anche a Prato la presidente Laura Badiani si è fatta carico di consegnare i fiori ai nonni ospiti delle residenze in tutti i comuni della provincia. I fondi raccolti dall’iniziativa, oltre a portare un sorriso a chi è più fragile, sostengono i programmi sul campo contro la malnutrizione infantile. « L’Rsa di Cicignano per fortuna non ha registrato casi di Covid ed è passata indenne dalla fase più critica dell’emergenza. Sappiamo qual è stato lo sforzo della struttura in questi mesi di restrizioni per tutelare gli anziani presenti. – dice il sindaco Simone Calamai – Per questo bisogna continuare a fare attenzione ed allo stesso tempo vogliamo dimostrare vicinanza all’Rsa e ai suoi ospiti attraverso questo dono di Unicef che stamattina ha regalato lacrime di commozione e felicità ai nostri nonni».

La festa dei nonni è una giornata molto importante per rendere omaggio a chi nella famiglia è molto spesso un punto di riferimento fondamentale. Per questo anche Montemurlo ha voluto festeggiare la ricorrenza rivolgendosi ai nonni di Cicignano: « Un’iniziativa lodevole di Unicef e di tanti cittadini generosi che va a toccare il cuore dei nonni, delle famiglie e tutti gli operatori dell’Rsa di Cicignano che in questi mesi più di altri hanno sofferto l’isolamento», conclude l’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti. Tutt’ora la struttura di Cicignano sta adottando stringenti misure di sicurezza a tutela degli ospiti con visite dei parenti degli ospiti contingentate, solo su appuntamento e con rigidi protocolli di sicurezza anti- Covid. Per ora rimane sospeso il servizio di residenza diurna, una misura adottata proprio per il contenimento dell’epidemia. «Chi volesse ancora contribuire alla nostra iniziativa si può recare presso la sede dell’Unicef a Prato in via Luigi Borgioli 42 e acquistare un ‘orchidea sospesa, che sarà poi consegnata agli anziani presenti nelle Rsa della provincia o a quelli più fragili che sono seguiti dai servizi territoriali», conclude la presidente di Unicef Prato, Laura Badiani.

 

Guarda il video della visita all’Rsa di Cicignano con la donazione delle orchidee “sospese”

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*