Nuovo Dpcm, riunito il Comitato per l’ordine e la sicurezza. E il Comune incontra le categorie economiche

Si è tenuto nel pomeriggio il Comitato per l’ordine e la sicurezza con la Prefettura di Prato, convocato per fare il punto sull’andamento dei contagi nella provincia di Prato e sulle nuove norme previste dall’ultimo Dpcm, per cui il tavolo verrà aggiornato nei prossimi giorni alla luce della definizione dei nuovi provvedimenti. “Da sindaco e da presidente Anci Toscana posso ribadire con forza che i sindaci si sono sempre assunti ogni responsabilità e dall’inizio della pandemia non abbiamo mai avuto problemi a prendere decisioni. Non era accettabile che il Governo dettasse provvedimenti inattuabili, gettando sulle spalle dei sindaci delle responsabilità senza dare strumenti e mezzi e soprattutto senza garantire una certa univocità almeno su territori limitrofi – sottolinea il sindaco Matteo Biffoni -. E’ inutile chiudere una strada o una piazza, ma anche un intero centro storico con il rischio di far spostare soprattutto i giovani da una zona all’altra, da una provincia all’altra. Così non si limitano i contagi, ma si spostano. E si mettono a serio rischio le attività economiche senza nemmeno ottenere un beneficio in termine di salute”.

Al tavolo in Prefettura, che si è tenuto in modalità a distanza, era presente anche la Asl e Biffoni ha ribadito la necessità di un sistema più rapido per avere i risultati dei tamponi: “Sul fronte tamponi ho fatto presente il problema dei ritardi al direttore dell’Asl Toscana Centro già la scorsa settimana. I ritardi nell’effettuare i tamponi e soprattutto a darne poi l’esito mette in difficoltà tutti, i cittadini e l’intero sistema di gestione. Sono ritardi che non possiamo permetterci. Ora con i rinforzi di personale e i test rapidi la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma è necessario che ci sia velocemente un’inversione di rotta”.

Intanto l’Amministrazione ha incontrato, sempre con modalità a distanza, le categorie economiche recependo la preoccupazione per le informazioni poco chiare che sono arrivate dagli ultimi provvedimenti nazionali e per l’andamento del numero di contagi. L’Assessore Benedetta Squittieri ha garantito la prosecuzione del tavolo di lavoro: “Continuiamo con aggiornamenti continui tra categorie economiche e Amministrazioni, lavorando insieme per condividere i provvedimenti che verranno ritenuti necessari per limitare il contagio. Salute e lavoro restano le nostre priorità”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*