Lotta all’illegalità. Nel 2010 nove mesi di controlli intensi.

Aldo Milone assessore alla sicurezza

Aldo Milone assessore alla sicurezza233 ditte per le quali è stata disposta la sospensione dell’attività, 101 immobili dichiarati inagibili e oltre 4 mila macchinari tessili sequestrati. Sono i numeri relativi ai primi 9 mesi di controlli interforze alle ditte gestite da cinesi per contrastare l’illegalità economica e combattere lo sfruttamento della manodopera clandestina. Numeri che superano quanto fatto nell’intero 2009. I casi scoperti recentemente del nuovo centro benessere cinese abusivo o dell’imprenditore orientale che ha violato il rispetto dell’ordinanza sull’inagibilità, riaffittando l’immobile ad un’altra ditta, sono solo alcuni esempi di quanto fatto finora. L’assessore alla sicurezza del Comune di Prato, Aldo Milone, ha difeso ancora una volta la necessità dei controlli a tappeto, per evitare che la situazione di illegalità diffusa diventi ingovernabile. Milone venerdì sarà a Tolentino per illustrare il metodo pratese di lotta all’illegalità.

1 Commento

  1. Il sequestro però non è sufficiente, basta pagare una multa di poche centinaia di euro per riavere indietro i macchinari. Ci vorrebbe la confisca degli immobili riaffittati o con abusi edilizi e la vendita all’asta dei macchinari.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*