Un frammento di storia restituito alla città

C’è una parte dell’attuale ospedale di Prato che continuerà a vivere anche quando sarà pronto il nuovo nosocomio. E’ il nucleo originario del vecchio ospedale “Misericordia e Dolce” che da alcuni mesi ospita i locali del Centro direzionale dell’Asl 4. I lavori di recupero e di valorizzazione dei locali storici, oggi sede amministrativa dell’azienda sanitaria pratese, sono stati inaugurati ufficialmente stamani alla presenza del direttore generale dell’Asl 4, Bruno Cravedi, dal sindaco Roberto Cenni e delle altre autorità civili e religiose della città. Un vero e proprio contributo alla riqualificazione urbanistica del patrimonio cittadino che ha interessato una superficie di circa 2.700 mq, comprendente spazi comuni e spazi verdi, per un costo complessivo di 4 milioni e 160 mila euro. Il complesso edilizio interessato dai lavori, comprendente anche il palazzo degli Spedalinghi, è composto da più fabbricati adiacenti disposti su quattro lati, che danno forma a una corte interna. La loro costruzione risale a diversi periodi storici.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*