Anche a Prato la Giornata nazionale delle vittime sul lavoro

In Italia oltre mille persone hanno perso la vita nel 2009 per incidenti sul lavoro, circa 300 sono morte a seguito di una malattia professionale mentre 790mila sono stati gli infortunati. Cifre che dimostrano, purtroppo, che l’impegno comune finora profuso non è sufficiente a tutelare la salute dei lavoratori. Anche quest’anno l’Anmil (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro) ha voluto richiamare l’attenzione sulla gravità di questo fenomeno, organizzando la 60esima Giornata nazionale vittime incidenti sul lavoro. A Prato le celebrazioni sono iniziate con la S. Messa presso la chiesa di San Francesco. A seguire in palazzo comunale la cerimonia civile alla presenza delle autorità cittadine.
“L’Anmil è da anni che si batte per migliorare le prestazioni a favore degli invalidi” ha afferma il presidente della sezione pratese, Pietro Maddaluno, sottolineando l’importanza della prevenzione. Maddaluno ha annunciato, infine, che la proposta di realizzare un monumento ai caduti sul lavoro avanzata dall’Anmil è stata accolta dall’amministrazione comunale.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*