Malaparte insegna ai toscani nel mondo
come vincere un concorso

Un concorso letterario riservato ai giovani toscani nel mondo, per raccontare le storie dei tanti che hanno lasciato la Toscana per cercare lavoro e fortuna altrove, ma anche per avventura o magari per amore. La Regione Toscana ha bandito un concorso sui diari dei toscani nel mondo: diari di viaggio in forma di racconto, ma anche di autobiografia, epistolario, intervista o testo di ricerca. «L’abbiamo chiamato “Maledetti toscani” (il riferimento al giornalista e scrittore Curzio Malaparte è evidente ndr) – spiega l’assessore ai rapporti con i toscani nel mondo, on. Riccardo Nencini – ed è il modo a cui abbiamo pensato per non las ciare nell’oblio le storie di tanti padri, madri, nonni e nonne o degli stessi giovani toscani che ancora oggi risiedono all’estero».Le opere dovranno essere inedite, non ancora pubblicate e libere da diritti. Potra nno essere scritte in italiano oppure nella lingua madre del paese di residenza. Ogni autore potrà presentare una sola opera e tutti i concorrenti dovranno essere obbligatoriamente discendenti di antenati toscani da almeno uno dei genitori, avere tra i 18 e i 30 anni e risiedere stabilmente all’estero. I diari potranno essere scritti anche a più mani. Sono previsti tre premi: 3.000 euro per il primo classificato, 1.500 per il secondo e 500 per il terzo. Oltre, naturalmente, alla pubblicazione dei diari.Per partecipare c’è tempo fino al 28 febbraio 2011. Entro quella data una copia cartacea e digitale dell’opera dovrà arrivare negli uffici del settore Attività Internazionali della Regione Toscana, in piazza dell’Unità d’ Italia 1 a Firenze. Il bando può ess! ere scar icato da internet, dal sito della Regione www.regione.toscana.it

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*