Nessuna moschea a Vaiano
Parola di sindaco

Il sindaco di Vaiano Annalisa Marchi respinge al mittente la proposta di Carlo Bruni, proprietario del cinema “Gustavo Modena”, che ha avanzato l’idea di vendere il cinema ai pakistani per la realizzazione della moschea.
“Sarebbe meglio se la proprietà si impegnasse a gestire con più cura e attenzione i locali – ha detto il primo cittadino – Togliamo subito di mezzo questa idea che urbanisticamente non è possibile perché la destinazione di questo spazio non è quella dei luoghi di culto. In più, qualunque intervento per un eventuale cambio di destinazione deve passare dal Comune con il quale esiste già una convenzione. L’intenzione dell’amministrazione comunale è che questo posto rimanga un cinema o comunque un luogo culturale e ricreativo, così è fino da quando è nato per volontà del primo sindaco di Vaiano Carlo Ferri e dei cittadini che lo costituirono. Non ci sono spazi per altre destinazioni, né per fantasie del genere”.
Il sindaco Annalisa Marchi fa chiarezza su quanto Bruni ha dichiarato al quotidiano e invita a non fare proclami di questo genere.
“Il Comune ha già rinnovato una convenzione esistente da tempo con il cinema per aiutarlo nella sua programmazione cinematografica e teatrale – ha ribadito Marchi – Questo è il contributo che noi possiamo offrire per permettere a questo importante luogo del territorio di proseguire l’attività. Penso che il Gustavo Modena sia meglio che resti quello che è oggi, uno spazio ricreativo e culturale, un luogo di incontro per tutti, che unisce i cittadini. Le ipotesi che sono state avanzate potrebbero invece portare all’esclusione di qualcuno”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*