Rossi all’attacco di Panorama e Pdl

Il presidente della Regione Enrico Rossi ha incaricato l’Avvocatura regionale di prendere tutte le iniziative necessarie per tutelare l’immagine e la correttezza della Regione Toscana. Questo in seguito a un articolo comparso oggi sul settimanale Panorama «Scandalo rosa nella regione rossa».
«Sono bombe di “distrazione di massa” – afferma il presidente – tipiche del berlusconismo e del suo dominio sui media, a partire dai giornali e le tv di famiglia. L’articolo ha l’obiettivo dichiarato di convincere lettori che i politici e gli amministratori “sono tutti uguali, tutti ladri e farabutti”. Non è affatto così. Credo che però stavolta ci sia di più. Che si vogliano, appunto, distrarre i cittadini parlando d’altro per svilire e nascondere le scelte riformatrici e innovative proposte dalla giunta regionale con il bilancio 2011, e mascherare così i problemi veri: i pesanti e effetti dei tagli che il governo ha caricato su regioni ed enti locali. Mi dispiace che anche il Pdl toscano si sia accodato a questa falsificazione -conclude Rossi – preferendo cavalcare campagne strumentali anziché affrontare i propri problemi interni».
Per il Pdl toscano “il 54% dei dipendenti della Regione sono dirigenti o funzionari di alta professionalità” e “il loro numero elevato”renderebbe la macchina regionale “inefficiente per la confusione nelle competenze.
«La matematica non può essere un’opinione – replica Rossi – I dirigenti della Regione sono 135, meno del 5 per cento di tutto il personale e in diminuizione anno dopo anno. Se ci aggiungiamo i 527 funzionari con posizione organizzativa, che dirigenti però non sono, non arriviamo al 24 per cento. Neppure la metà della percen tuale sbandierata dal Pdl».

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*