6 Novembre 2010

Cc denunciano 35enne
per omissione di soccorso


Coinvolto in un incidente stradale, un pratese di 35 anni, non si è fermato, nonostante ci fossero feriti. L’automobilista è però stato presto individuato e denunciato per omissione di soccorso dai carabinieri.
I militari, che ieri hanno condotto un servizio particolare di controllo del territorio, hanno denunciato anche un altro pratese, 58enne, che non è stato trovato in casa, pur essendo agli arresti domiciliari; denuncia anche per un cinese, privo di permesso di soggiorno.
Denunciato, tornando alle automobili, anche un giovane di 38 anni, per guida in stato d’ebbrezza. Un consumatore d’hashish è invece stato segnalato alla prefettura.

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
vittorio
vittorio
11 anni fa

Prendiamo atto dell’informazione ma non possiamo passarle il linguaggio.
Le facciamo presenti tre piccole cose.
1) Riteniamo attendibili le fonti dalle quali assumiamo le notizie. Nella maggior parte dei casi, come quello da lei citato, si tratta in larga parte di comunicazioni ufficiali, con relative notizie e/o ipotesi di reato (se e quando c’è) da parte delle forze dell’ordine che riteniamo, specie per quel che riguarda il presidio, la conoscenza e gli interventi diretti sul territorio, le più autorevoli.
2) Le scrive che qualcuno avrebbe tirato – omettiamo la persona alla quale si rivolge – due schiaffi e che, di conseguenza, c’erano feriti. Non ci pare una gran bella cosa, con la ragione o col torto, metter le mani addosso agli altri, a meno che non si tratti di difendersi o, a maggior ragione, difendere qualcuno in pericolo. In ogni caso, gli agenti dei vari corpi di polizia e l’arma dei carabinieri ci sembrano più preparati, appropriati e meno schiaffeggiatori.
3) Lei dice che l’uomo se ne è andato “perché aveva da lavorare”. In assoluto, per quanto la crisi incalzi, non la riteniamo una buona ragione o una circostanza di forza maggiore o un condizionamento tale da impedire a qualcuno d’aspettare.

Comunque sia, esistono comportamenti più o meno civili. Soprattutto esistono organismi e autorità preposte a stabilire quali possano essere ragioni e torti di un incidente, così come un’autorità giudiziaria (siamo in uno stato di diritto) chiamata a pronunciarsi sulla sussistenza o meno di una violazione.