Operazione anti-falsi dei cc
a Poggio a Caiano (Guarda il video)

Sabato grasso, quello da poco trascorso, per i carabinieri di Poggio a Caiano e per i loro colleghi di Signa, che hanno scoperto e sequestrato in capannone del centro mediceo un ingente quantità di prodotti contraffatti. Denunciata una donna d’origine cinese, per il reato di introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi.
In particolare i carabinieri di Signa avevano sottoposto a sequestro delle borse e degli accessori che provenivano da una non meglio località di Poggio a Caiano. Da accertamenti e verifiche incrociate svolte con i colleghi del posto si riusciva ad individuare un capannone, in località Comeana, utilizzato di solito come deposito. Detto capannone, la cui proprietà è una Immobiliare con sede a Carmignano, è stato affittato a una donna cinese 45enne residente a Prato. La donna veniva contattata ed alla sua presenza veniva fatta una ispezione all’interno dei locali. Nel magazzino vi erano stoccati numerosi scatoloni in cartone, alcuni ancora imballati con sacchi di iuta, confezioni recanti indicazioni di merce “made in China” con destinazione Genova. Ogni collo veniva verificato risultando contenere complessivamente circa 25.000 pezzi tra scarpe, cinture, borse, portafogli ed altri accessori riproducenti modelli e marchi note case di moda “Louis Vuitton”, “Gucci”, “Carolina Herrera”, “Christian Dior”, “Playboy” e “Juicy Couture”.
Alla luce di quanto accertato tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro e affidato in custodia giudiziale al titolare di una ditta che ha un capannone in Carmignano e la donna è stata denunciata.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*