Ordinanza del sindaco di Vernio per le aperture dei negozi

Aperture maggiori e più flessibili per i negozi del territorio di Vernio. Con il nuovo anno anche l’apertura delle attività commerciali dell’alta Val di Bisenzio subiranno delle modifiche che sono state regolamentate da una nuova ordinanza emessa dal sindaco di Vernio, Paolo Cecconi, per rispondere anche alle differenti esigenze turistiche del territorio. Secondo quanto consentito dall’accordo di area vasta Firenze-Prato-Pistoia, dal 1 gennaio 2011 in tutto il territorio comunale, l’apertura domenicale e festiva degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa è facoltativa per diversi periodi dell’anno, secondo un predefinito calendario; vi è in ogni caso l’obbligo della chiusura in occasione di particolari festività: 1 gennaio, Pasqua, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno,15 agosto, 1 novembre, 25 e 26 dicembre. L’ordinanza ha individuato due diverse fasce territoriali e su di queste ha studiato differenti soluzioni per le aperture commerciali.

Fascia A: si intende la zona montana (posta ad un’altezza sopra i 400 metri) e comprende le frazioni di Montepiano, Sasseta e Cavarzano. Qui è prevista un’apertura domenicale e festiva ininterrotta nell’arco di tutto l’anno con l’esclusione delle giornate di chiusura obbligatoria.

Fascia B: è la zona collinare e il centro storico (poste ad un’altezza inferiore ai 400 metri).
Comprende le frazioni di S.Quirico, Mercatale, S.Ippolito e Le Confina-Terrigoli.
Qui l’apertura seguirà il seguente calendario con l’esclusione delle giornate di chiusura obbligatoria: a gennaio, aperture domenicali e festive in occasione dei saldi invernali; febbraio, la prima domenica di Carnevale; aperture domenicali e festive in occasione della Sagra della Polenta e della Fiera di San Giuseppe;da aprile a novembre, aperture domenicali e festive per tutto il periodo con esclusione delle giornate di chiusura obbligatorie previste in detto periodo; periodo natalizio e fine anno, aperture domenicali e festive con esclusione del 25 e 26 dicembre.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*