TRASPORTI: PDL, CAMPAGNA VERITA’ SU RESPOSABILITA’ TAGLI

Parte da Prato l’operazione verità del Popolo della Libertà sul trasporto pubblico locale e sulle responsabilità dei tagli in Toscana. Una vera e propria campagna di contro-informazione con il quale il Pdl vuole dimostrare come stanno veramente le cose. Secondo il partito “Mentre il Governo Berlusconi è impegnato a fronteggiare la crisi economica anche attraverso un’attenta e oculata politica di razionalizzazione delle risorse pubbliche, la Regione Toscana, amministrata dalle sinistre, ha colto l’occasione ancora una volta per non smentire se stessa, prevedendo un taglio dei finanziamenti sul trasporto pubblico locale tra il 12% e il 15%; il doppio rispetto alla media nazionale, addossando sul Governo tale responsabilità”.
Preoccupazione per il tagli al trasporto pubblico locale è stata espressa dal mondo sindacale. A rischio 660 posti di lavoro e il 10% di corse in meno in tutta la Toscana.
Al convegno “Il trasporto pubblico locale nell’area Firenze-Prato-Pistoia dopo i tagli della Regione” organizzato dal Pdl all’Hotel Palace è intervenuto, fra gli altri, il direttore della Cap, Alberto Banci, che ha ribadito la propria contrarietà a tagli indiscriminati che penalizzano anche quelle aziende virtuose come la Cap. Intanto il nuovo piano di riorganizzazione del trasporto pubblico locale dovrebbe entrare in vigore a partire da lunedì 7 febbraio. In seguito ai 2 milioni di euro di tagli dalla Regione Toscana, si stima una riduzione delle corse del 10% sul territorio pratese. Ma dalla Cap sperano di ridurre l’impatto dei tagli. La Regione sembra intenzionata a stanziare 5 milioni di euro in favore delle aziende toscane più virtuose. La speranza della Cap è che una parte di questi soldi prenda la via di Prato. Una risposta in merito da parte della Regione è prevista per l’inizio della prossima settimana, dopodiché i vertici della Cap incontreranno Comune e Provincia per definire il piano di riorganizzazione del trasporto pubblico locale.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*