Giovani rapinatori presi dalla polizia
Uno di loro è minorenne

Due giovani marocchini, di 23 e 16 anni, sono stati fermati dalla polizia di Prato, poco dopo aver rapinato un cittadino cinese di 30 anni, che è stato gettato a terra e derubato del cellulare. L’episodio è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri nella Chinatown pratese, dove non passa giorno in cui non si verifichi una rapina a passanti. Bersagli preferiti sono proprio i cinesi, per la loro abitudine di girare con molto denaro contante in tasca e per la reticenza degli irregolari a denunciare episodi di microcriminalità. Questa volta la vittima, pur essendo clandestino, ha però chiamato il 113, poco dopo che una volante aveva fermato i due marocchini sospetti per un controllo in via Marini. Alla vista della polizia, i due giovani si erano messi a correre perdendo durante la fuga un cellulare. Il telefono, che presentava scritte in ideogrammi cinesi, è stato raccolto dagli agenti, che hanno bloccato poco dopo i fuggitivi. Uno di loro aveva con sé un secondo cellulare con scritte cinesi, probabilmente anche questo oggetto di furto. I due marocchini, uno dei quali aveva precedenti specifici, sono stati riconosciuti dalla vittima e messi a disposizione dell’autorità giudiziaria per i reati di rapina e ricettazione. Le indagini, condotte dalla squadra mobile, proseguono per accertare eventuali responsabilità dei due giovani malviventi in altre rapine a danno di cinesi compiute con modalità analoghe nei giorni scorsi.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*