L’Ambra si beve un Marsala

Torna al successo l’Ambra, sconfiggendo il diretto concorrente Marsala nella seconda gara casalinga consecutiva disputata al PalaPrato. La squadra allenata da Bossi resta al comando della classifica insieme all’Ancona, che l’aveva battuta a domicilio nel turno precedente, allungando il vantaggio sulle inseguitrici, ora distanziate nuovamente di nove punti.

I poggesi, in una gara particolarmente importante nell’economia di questo campionato, si sono resi protagonisti di una prova dai due volti. Nel primo tempo, troppo contratti per le “scorie” della partita precedente persa con l’Ancona, hanno ceduto strada agli avversari, che sono potuti andare al riposo in vantaggio; nella ripresa, però, dopo che il Marsala era addirittura volato sul +6 al 3′ (19-13), l’Ambra si è ritrovata, ribaltando le sorti del match. Al 15′ è arrivato il pareggio (21-21) grazie a un gol di Ballini, poi l’allungo decisivo fra il 20′ ed il 25′ che ha portato la squadra di Bossi sul +6 a proprio vantaggio e quindi al successo finale, grazie al quale i poggesi pongono una seria ipoteca sulla promozione.

Il tabellino della sfida

Ambra-Marsala 33-27

AMBRA POGGIO A CAIANO: Trinci, Mannocci; Ballini 3, Buffa 3, Carmignani 7, Chiaramonti, Dei 9, Maraldi 4, Morlacco 1, Impellizzeri, Margheri, Bednarek 5, Giovanchelli, De Stefano. All.: Bossi.

MARSALA: Galarza, Titone; Abate, D’Angelo 11, Ficara 7, Fuente 2, Marrone 5, Parrinello 1, Tumbarello 1, Lo Cicero, Abrignani, Licari. All.: Vultaggio.

Arbitri: Tanasescu e Zappaterreno.

Note: primo tempo 16-12 per il Marsala. Espulso per proteste Marrone (Marsala) al 24’12” st.

Gli altri risultati della quarta di ritorno: Cus Chieti-Grosseto 43-30, Ancona-Gaeta 27-24, Alcamo-Enna 21-30, Fondi-Albatro Siracusa 33-26. Ha riposato l’Altamura.

La classifica del girone B della Serie A1: Ambra Poggio a Caiano e Ancona 36 punti; Fondi, Marsala e Gaeta 27; Altamura 21; Albatro Siracusa e Cus Chieti 18; Enna 12; Alcamo e Grosseto 0.

Sabato il campionato osserverà un nuovo turno di riposo.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*