Due incendi in poche ore: in ospedale e a Vernio

Un principio di incendio ha interessato questa mattina attorno alle 7 la centralina elettrica dell’ospedale di Prato (nella foto), posta in una cabina nel corridoio al primo piano del Misericordia e Dolce. Ad accorgersi dell’odore acre che si stava propagando in corsia sono stati alcuni infermieri di passaggio che hanno dato l’allarme. Si era da poco concluso il presidio notturno che i vigili del fuoco assicurano in ospedale dalle 22 alle 6, per cui è stato necessario l’intervento di una squadra di pompieri dal comando centrale. Il principio di incendio, provocato dall’esplosione di un condensatore, che ha determinato il surriscaldamento dei cavi elettrici, è stato prontamente bloccato prima di potersi estendere a tutta la cabina e ai locali circostanti. I danni sono stati così limitati al minimo e i pazienti ricoverati non hanno avuto nessun tipo di disagio. Un incendio più serio ha riguardato questa mattina uno stabile a Poggiole di Vernio. Le fiamme sono partite dal ripostiglio di un appartamento e si sono estese a quello sovrastante provocando il crollo di circa due metri quadrati di solaio. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco dal distaccamento di Montemurlo che hanno impiegato quasi tre ore per spegnere l’incendio.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*