Declassata e piazza San Marco. Uno studio per migliorare la situazione del traffico

Piazza San Marco e il tratto di Declassata all’altezza del nodo di via Roma al Soccorso rappresentano due delle principali criticità cittadine in tema di viabilità. E proprio per cercare di migliorare la situazione l’ordine degli ingegneri della provincia di Prato – anche su input del Comune – ha realizzato uno studio nel quale vengono prese in considerazione le soluzioni possibili per l’ipotesi di raddoppio della Declassata e del miglioramento della viabilità in piazza San Marco.
Per quanto riguarda la Declassata sono quattro le soluzioni studiate dall’ordine. La prima prevede la realizzazione di un sottopasso, che avrebbe un basso impatto ambientale, la seconda prevede la creazione di un viadotto, che avrebbe tempi brevi di realizzazione, la terza prevede il raddoppio rilevato della carreggiata, con tempi brevi di realizzazione ma alto impatto ambientale. La quarta soluzione sarebbe il tunnel, dallo scarso impatto ambientale, ma dagli alti costi e tempi di realizzazione lunghi.
Per quanto riguarda piazza San Marco, la soluzione più efficace sembrerebbe anche la più economica, ovvero l’intervento sulle fasi semaforiche. La simulazione effettuata dagli ingegneri – che hanno allungato di dieci secondi la durata del verde di via Arcivescovo Martini e di conseguenza aumentato di dieci secondi la durata del rosso dei semafori di via Ferrucci e piazza San Marco – ha dato buoni risultati, fornendo dati positivi sullo smaltimento del traffico.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*