La Pallamano Prato perde il big match

E’ il Tavarnelle a festeggiare la promozione in serie A2. I chiantigiani violano un gremito Estra Forum (oltre 500 spettatori) col punteggio di 23-22. Gara incredibile, con il Prato avanti 16-10 al 5° della ripresa e che proprio sul più bello ha smarrito la strada maestra, subendo il ritorno energico e volitivo degli ospiti.
Si parte di fronte ad un grandissimo pubblico, due tribune gremite per oltre 500 spettatori, cornice di altri tempi. Pronti via e lanieri sul 3-0. Il primo gol degli ospiti arriva solo al 6’39” con Pierattoni. Primo pareggio ospite al 16’40” (5-5) ma è l’ultimo acuto dei biancoverdi nella prima frazione. Il Prato allunga di nuovo, fino all’11-7 al 23’14” e al 13-8 a 120″ dall’intervallo con Della Rocca. Si va al riposo sul 13-9.
Nella ripresa, sembra un monologo laniero. Al 5°, Meoni segna su rigore il più sei (16-10). Da quel momento, finisce la partita dei lanieri. Per 15′, la squadra di Cavicchiolo smarrisce la via del gol. La difesa del Tavarnelle diventa imperforabile e Ciani tra i pali fa gli straordinari. Bacciottini prende per mano in attacco i suoi, supplendo alle assenze realizzative di capitan Graziosi. Il pareggio al 17° (16-16), il sorpasso 90″ dopo (16-17). al 21°, Tavarnelle avanti di tre (17-20). Sembra finita, in pratica è così. Il Prato ha una reazione d’orgoglio ma il pareggio (che non arriva) non basta. Finisce 22-23, con un ultimo pallone in attacco fallito dai lanieri a 5″ dalla sirena conclusiva. A far festa sono gli ospiti. Al Prato resta un grande campionato e la speranza di accedere alla serie A2 attraverso altre vie.

Il tabellino

PRATO-TAVARNELLE 22-23
PALLAMANO PRATO: Bugiani, Bandoni; Carpini, Dolfi 2, Ciotoli, Fabbri, Della Rocca 5, Gori, Borgi 1, Meoni 9, Fondelli 3, Viviani, Moro 1, Stefanelli 1. Coach: Cavicchiolo.
TAVARNELLE: Ciani, Vucci Stefano; Massai 3, Vermigli, Bozzi 1, Vucci Simone, Graziosi, Bevanati F. 4, Beiwinkel 1, Pierattoni 4, Bacciottini 8, Provvedi, Bevanati M., Varvarito 2. Coach: Toccafondi.
ARBITRI: Baroni e Piffanelli, commissario di campo Cioni.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*