Da capocantiere ad estorsore,
tre arresti a Prato

Da capocantiere a estorsore, dopo essere stato anche licenziato dall’imprenditore edile che avrebbe vessato per 4 anni. E’ quanto ricostruito dai carabinieri di Livorno che stamani hanno arrestato l’ex dipendente,  Angelo Longo, 40 anni, insieme ad altre 3 persone:  il fratello Davide, 36 anni, domiciliato a Prato, Federico Boccardi, un pratese di 33 anni e Altin Lepele, 23 anni, albanese, anche lui domiciliato a Prato. Le accuse nei loro confronti sono estorsione, rapina e lesioni aggravate.
Secondo gli investigatori Longo pretendeva il pizzo, anche sottoforma di pagamento di bollette o debiti. In totale, secondo la procura, dal 2007 l’imprenditore edile, che opera nella zona di Cecina e Rosignano, avrebbe sborsato almeno 55.000 euro. L’indagine è partita in seguito a un’aggressione con tentativo di sequestro avvenuta nel maggio scorso, in pieno giorno, a Rosignano: l’imprenditore fu vittima di un pestaggio e finì all’ospedale.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*