Martedì un incontro sul rapporto tra banche ed imprese nell’operatività con l’estero

Il prossimo 12 luglio alle 15, presso l’Auditorium del Palazzo dell’Industria di Prato, la Banca Popolare di Vicenza, in collaborazione con l’Unione Industriale Pratese, organizza un incontro sul tema “”Il rapporto tra banca ed imprese nell’operatività estero”.
Ad aprire i lavori saranno Roberto Fenzi, Vicepresidente dell’Unione Industriale Pratese e Franco Tonato, Vice Direttore Generale della Banca Popolare di Vicenza e Responsabile della Direzione Regionale Toscana.
A seguire, Alfonso Santilli, responsabile Direzione Estero della Banca Popolare di Vicenza e Membro della Commissione Bancaria della Camera di Commercio di Parigi, approfondirà alcuni dei temi fondamentali per sviluppare l’internazionalizzazione. Innanzitutto il rapporto tra banca e imprese nell’operatività nel mercato globale, ma anche il rischio paese, costantemente presente nell’operare quotidiano con l’estero. Verranno poi valutati i più adeguati mezzi di pagamento e le garanzie nei rapporti commerciali internazionali, nonché la relazione tra Incoterms 2010 e i mezzi di pagamento. A chiudere un focus sullo stato dell’economia e dei mercati nei paesi del Magreb, con una particolare attenzione per l’Iran, cui seguirà un dibattito.
L’iniziativa si colloca nell’ambito del progetto che la Banca Popolare di Vicenza ha attuato a sostegno dell’internazionalizzazione delle piccole medie imprese, alle quali offre, attraverso la Struttura Estero, un sistema di consulenza e selezione dei partner commerciali, ricerche di mercato, soluzioni assicurative e assistenza legale.
Con uffici di rappresentanza ad Hong Kong, Shanghai, New Delhi, San Paolo e New York, partecipazioni finanziarie in sette istituzioni creditizie nell’Europa Centro Orientale (Slovenia Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Bosnia Erzegovina e Romania), una società di diritto irlandese con base a Dublino, e oltre 40 accordi di cooperazione con banche estere, la Banca Popolare di Vicenza si conferma come un valido partner nell’operatività con l’estero.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*