Strada dell’Alpe di Cavarzano, via ai lavori di ristrutturazione finanziati dalla Provincia

Stanno per partire i lavori di sistemazione della strada dell’Alpe di Cavarzano. Ieri la Provincia ha affidato l’intervento all’impresa e nei prossimi giorni sarà installato il cantiere per valorizzare un collegamento importante sia dal punto di vista della mobilità che da quello turistico e paesaggistico. L’intervento, che sarà concluso a settembre, riguarda in particolare i sette chilometri circa a fondo naturale dei tredici complessivi che collegano gli insediamenti di Montepiano e Cavarzano. La strada, che si snoda interamente nel Comune di Vernio, si presenta infatti asfaltata per quasi sei chilometri, ma il tratto a fondo naturale attualmente risulta compromesso in vari punti e privo di un efficiente sistema di regimazione delle acque, cosa che crea fenomeni di ristagno idrico. Inoltre ci sono piccole frane in alcuni tratti della scarpata a monte, in particolare nel tratto compreso tra il Passo dell’Alpe e la località La Tavoletta. I lavori quindi consisteranno nella risagomatura delle fossette laterali e nel tracciamento degli attraversamenti trasversali, oltre alla compattazione del fondo stradale. Sarà rimosso il materiale franato dalle scarpate che verranno risagomate. La strada dell’Alpe costituisce il principale asse viario per l’accesso e la fruizione dell’area protetta “Alto Carigiola e Monte delle Scalette”, istituita nel 2002 ed inserita nel sistema provinciale delle aree protette. E’ un tracciato panoramico che attraversa la frazione più settentrionale ed alto-appenninica del territorio provinciale.
“La Provincia impegna 150 mila euro in una ristrutturazione che ritiene molto importante per un accesso ottimale all’area protetta e strategico per il collegamento fra Cavarzano e Montepiano – spiega l’assessore Alessio Beltrame – La strada è un vero patrimonio dal punto di vista paesaggistico e turistico, un percorso panoramico apprezzato dai visitatori e dagli stessi abitanti della Val di Bisenzio”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*