Vaiano, distrutto magazzino di stracci. Danni ad altre tre aziende tessili

Una densa colonna di fumo nero e un odore acre, percepito fino a Prato. Vaiano si è svegliata così questa mattina, a causa dell’incendio che ha distrutto il capannone della B&Lo.Tex, azienda tessile che commercia abiti usati. Il rogo si è originato attorno alle tre di notte dall’interno del magazzino, dove non sono presenti macchinari, e dove erano stoccati circa mille quintali di stracci, che hanno rapidamente alimentato l’incendio. Ad allertare i vigili del fuoco alcune telefonate, tra cui sembra anche quella del titolare.
La copertura del capannone, su cui erano installati pannelli fotovoltaici pronti per l’allacciamento alla rete elettrica, si è schiantata per l’alta temperatura. L’incendio si è rapidamente propagato all’attività adiacente, la ditta di confezioni cinese Panda, i cui locali sono stati anch’essi dichiarati inagibili. Danni da fumo, ma non strutturali, anche a due aziende tessili limitrofe: la “Roccatura Pierozzi” e la tessitura “A campioni”. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri. I vigili del fuoco, intervenuti con due squadre dal comando centrale e una dal distaccamento volontari di Vaiano, sono stati impegnati per tutta la giornata di oggi, per spengere l’incendio e per smassare con una pala meccanica le cataste di stracci e raffreddarli onde evitare il riattizzarsi di alcuni focolai.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*