Lo sciopero dei sindaci, proteste bipartisan contro i tagli del Governo

Proteste bipartisan contro la manovra del governo. All’indomani del via libera definitivo della Camera, tutti i sindaci dei comuni pratesi, compreso il capoluogo rappresentato dal vicesindaco Goffredo Borchi, hanno rimesso simbolicamente le deleghe su Anagrafe e Stato civile al prefetto, a cui è stato consegnato un documento che esprime forte preoccupazione per la tenuta dei servizi e delle autonomie locali. L’iniziativa, organizzata a livello nazionale dall’Anci, ha l’obiettivo di protestare contro i tagli agli enti locali contenuti nella manovra, che si sommano a quelli delle Finanziarie precedenti. 7 milioni di trasferimenti statali in meno nel 2012 per il Comune di Prato; oltre 500 mila euro in meno per Vaiano; l’equivalente di 63 euro a persona in meno per gli abitanti di Montemurlo. Tagli che potrebbero portare i Comuni ad aumentare le aliquote Irpef, ma i cui ricavi paradossalmente potrebbero essere perfino bloccati dal patto di stabilità.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*