Banca dati regionale per gli insediamenti
di attività produttive e direzionali

lavoro

lavoroUna banca dati per gli insediamenti funzionali all’utilizzo da parte di attività industriali, produttive e direzionali. La Regione Toscana ha appena pubblicato un avviso pubblico proprio per avviare la creazione della banca dati, avviso che resterà aperto per 18 mesi. L’obiettivo di fondo naturalmente è promuovere l’attrazione di investimenti esteri in Toscana, evidenziandone anzitutto le opportunità di insediamento. Partner del progetto sono UPI, ANCI e Toscana Promozione. “Si tratta di una opportunità interessante che pubblico e privato devono saper cogliere – commenta l’assessore allo Sviluppo economico della Provincia Edoardo Nesi, che sta organizzando come Provincia alcuni incontri di preselezione rivolti appunto ai Comuni e ai soggetti privati. Martedì 25 ottobre infatti a palazzo Buonamici (sala ovale, piano terra) a partire dalle 10 avrà luogo il primo incontro a cui sono invitati enti locali, Camera di Commercio, categorie economiche e ordini professionali di geometri, ingegneri ed architetti e anche proprietari privati. La banca dati riguarderà terreni ed immobili pubblici e privati con adeguate caratteristiche dimensionali e disponibili per nuovi insediamenti d’impresa. Le proposte, che possono essere presentate da persone fisiche, giuridiche pubbliche e private, andranno inserire tramite l’apposita piattaforma predisposta sul sito di Invest in Tuscany (www.investintuscany.com/276-opportunita.html).
Fra gli obiettivi della banca dati quello di rilevare l’offerta toscana (pubblica e privata) per insediamenti produttivi e direzionali riguardo ad aree significative in termini di dimensione (superficie fondiaria disponibile minima di 5.000 mq per i terreni, di 2.000 mq per gli immobili), accessibilità, dotazione infrastrutturale, e che siano disponibili immediatamente o in brevissimo tempo. Sempre on-line e sullo stesso sito gli investitori interessati potranno richiedere informazioni sulle possibili localizzazioni in modo rapido ed efficace attraverso il sistema georeferenziato, con una ricerca disponibile anche in inglese.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*