Continua l’impegno della protezione civile di Prato alle popolazioni della Lunigiana

La protezione civile di Prato è impegnata in forze nei luoghi della Lunigiana devastati dalle inondazioni dei giorni scorsi. Dopo i primi interventi di una squadra di vigili del fuoco del comando provinciale e di squadre della Vab, che hanno lavorato per prestare i primi soccorsi alle popolazioni colpite, adesso l’impegno prosegue con una ventina di uomini che ogni giorno si danno il cambio nella zona delle operazioni. L’intervento è coordinato dalla Protezione civile del Comune, con il responsabile Sergio Brachi che organizza il lavoro degli uomini. Ogni giorno da Prato partono cinque squadre per un totale di circa 20 uomini, appartenenti alle varie associazioni che compongono il dispositivo della protezione civile. Non solo, proprio Prato è stata scelta per ospitare tutti gli atti storici del Comune di Aulla, finiti sott’acqua. I documenti vengono via via portati in un magazzino frigo di Oste e sono proprio i volontari pratesi ad occuparsi del trasporto. Sono già stati fatti 6 viaggi con un camion per spostare tutto il materiale.

1 Commento

  1. sono più che d’accordo sulla solidarietà, ma in questo momento di così grave crisi per tutti, possibile che il Governo chieda un incremento di 10 centesimi a litro su benzina per loro. e per noi???no, non siamo alluviati,
    ma lo siamo sttai negli anni passati, e conosco gente che dall’alluvione e
    l’esondazione dell’Ombrone, non ha avuto proprio nulla. solo negozi disfatti e spariti..ma chi vogliono prendere in giro?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*