Difesa degli uffici territoriali del Governo in città, approvata in consiglio provinciale la mozione della maggioranza

Respinta dal Consiglio provinciale, con i voti contrari di Pd, Idv e Bini (Gruppo misto-Fli) e quelli a favore di Pdl e Lega Nord, la mozione presentata dal gruppo Pdl sulla difesa degli uffici territoriali di Governo a Prato. Approvato invece l’emendamento (che di fatto si è trasformato in una mozione) presentato dalla maggioranza sullo stesso argomento con i voti a favore di Pd, Idv, quelli contrari di Pdl e Bini (Gruppo misto-Fli) e l’astensione della Lega Nord.
La mozione del Pdl sottolineava il rischio che il disegno di legge per la soppressione delle Province possa eliminare gli uffici periferici dello Stato e chiedeva al presidente e alla giunta provinciale di “fare tutto ciò che è nelle loro possibilità affinché essi restino nella nostra città indipendentemente dalla sorte dell’ente Provincia”.
L’emendamento di Pd e Idv partiva anzitutto dall’azione del Governo “strumentale e demagogica nel declamare l’abolizione degli Enti intermedi, quali le Province, e poi non dare seguito a un serio progetto di riforma istituzionale del Paese” e chiedeva al Consiglio e all’amministrazione provinciale di “opporsi ai progetti di riforma istituzionale attualmente proposti dal Governo e difendere la presenza degli uffici territoriali dello Stato presenti nella nostra città”.
Il presidente della Provincia Lamberto Gestri ha ribadito con forza “il massimo impegno a garanzia di organi, presidi e organizzazioni dello Stato nell’interesse dei cittadini. Ribadisco però – ha proseguito Gestri – che pur nella confusione, sia a livello locale che nazionale, resta prioritario tornare a un confronto serio per progettare una ristrutturazione davvero efficace, anche dal punto di vista economico, dei livelli di governo”.
Nel dibattito sono intervenuti per il Pd Roberto Marchi e il capogruppo Emiliano Citarella, che ha sottolineato come la discussione sull’assetto istituzionale dello Stato è solo una scusa per un Governo completamente paralizzato. Per l’Idv hanno parlato Mario Tognocchi e il capogruppo Luca Mori, che ha criticato l’ipotesi prospettata dal disegno di legge delle Unioni di Comuni come enti intermedi. “Sul territorio mancherebbero enti democraticamente eletti e un’Italia dominata dalle Prefetture mi spaventa”. Per il Pdl sono intervenuti Andrea Bonacchi e il capogruppo Cristina Attucci, che ha difeso le intenzioni del Governo “perché vanno incontro alla richiesta forte di imprese e cittadini di sburocratizzare e semplificare la macchina amministrativa”. Infine Riccardo Bini ha rimarcato con forza la posizione di Fli contraria al mantenimento delle Province, parlando però di “pastrocchio del Governo”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*