Suicida sotto un treno 14enne
di Cantagallo, forse turbato
per un brutto voto a scuola

Sarebbe fuggito da casa per un brutto voto preso recentemente a scuola, il quattordicenne di Cantagallo trovato morto sulla linea ferroviaria Bologna-Rimini, a 5 Km dalla stazione di Bologna. L’ipotesi non trova riscontri ufficiali da parte degli investigatori, ai quali la famiglia ha chiesto riserbo sulla vicenda, ma sarebbe confermata da un biglietto lasciato dal quattordicenne. Secondo la ricostruzione della Polfer, non ci sarebbero dubbi che si sia trattato di un suicidio. Il ragazzo è stato investito da un treno durante la notte; il cadavere è stato notato sulla massicciata attorno alle 5,45 del mattino dal macchinista di un treno merci, che ha dato l’allarme. Il giovane, che da meno di un mese frequentava la prima liceo scientifico Copernico, si era allontanato da casa ieri pomeriggio attorno alle 15,30. Ieri sera  non vedendo rientrare il figlio, che aveva spento il cellulare, i genitori si erano rivolti ai carabinieri. Con ogni probabilità il ragazzo ha preso un treno per Bologna – dove lavora il padre – ha camminato lungo la ferrovia e si è sdraiato sulla massicciata, con la testa appoggiata sui binari, in attesa che passasse un treno. Stamani una psicologa ha comunicato la notizia ai compagni di classe del Copernico, che sono usciti prima, in lacrime, accompagnati dai genitori.

3 Commenti

  1. non ci si uccide per un brutto voto.tutto quì. i cimiteri sarebbero pieni.
    il ragazzo aveva altri pensieri.emarginato. ma da chi?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*