Il tavolo di distretto va avanti nonostante la crisi di Governo

Nel pieno della tempesta economica e politica nazionale, il tavolo di distretto si è riunito stamani per aggiornare i progetti legati all’area di crisi. Una riunione che è servita soprattutto per fare il punto sulle uniche risorse certe che arriveranno da Roma: i 3 milioni di euro dei fondi di riserva destinati a sostenere il cardato rigenerato. Su questo fronte sarà un tavolo tecnico, a cui siederanno i rappresentanti delle categorie economiche, a definire i criteri di ripartizione dei fondi, che per la gran parte saranno assegnate sotto forma di credito d’imposta.
Durante il tavolo di distretto è stato fatto il punto sui 25 milioni di euro giunti a Prato dal governo. Finora, con quattro diversi bandi, sono stati impegnati 19 milioni e 132 mila euro, fra sostegno al reddito e politiche attive del lavoro, per oltre 3200 persone. Entro l’anno saranno definiti i criteri per l’assegnazione delle risorse ancora disponibili. Domani, invece, nel corso della visita del viceministro della scienza e tecnologia cinese in Regione, si parlerà anche del centro di ricerca italo-cinese sul tessile che potrebbe avere sede al Creaf. Sul fronte dei progetti legati all’accordo di programma tra Regione, Governo e amministrazioni pratesi, grazie al quale dovrebbero arrivare risorse legate al riconoscimento dello stato di crisi, il tavolo di distretto va avanti nonostante la crisi di governo.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*