Pd e Idv contro Bettazzi, presentata mozione
di censura per il suo operato come presidente
del consiglio comunale

I gruppi consiliari del Pd e dell’Idv in Consiglio comunale hanno presentato una mozione di censura nei confronti del presidente dell’Assise comunale Maurizio Bettazzi. La mozione si fonda su alcuni punti chiave del Regolamento dei lavori del Consiglio comunale ed è firmata, a nome dei due gruppi, da Massimo Carlesi e da Aurelio Donzella.
“Fin dall’inizio del mandato amministrativo è quasi impossibile discutere in tempo utile di temi di primaria importanza per i cittadini. Le richieste che giacciono in coda all’ordine del giorno e che si trascinano di riunione in riunione sono fin troppe – dice il capogruppo democratico Massimo Carlesi – Adesso, però, il presidente del Consiglio comunale ha passato il segno: non permette all’opposizione di porre domande alla giunta e al sindaco, d’intervenire o di rispondere al sindaco stesso, di presentare proposte. È una situazione insostenibile ed è per questo che con il gruppo dell’Idv e il collega Aurelio Donzella proponiamo una censura nei confronti del presidente Bettazzi”.
In particolare, Pd e Idv sottolineano che le norme prevedono l’imparzialità del presidente e che Maurizio Bettazzi “è stato eletto con i voti dell’attuale maggioranza ma anche con l’astensione dei consiglieri di opposizione che in tale occasione hanno voluto esprimere un segnale di fiducia” nella sua persona. Tuttavia,  “il presidente Bettazzi non ha dimostrato imparzialità  negando la possibilità di effettuare comunicazioni da parte dell’opposizione, non accogliendo question time e consentendo comunicazioni da parte del sindaco in momenti diversi da quelli previsti dal Regolamento e impedendo all’opposizione di potersi esprimere su queste anche in presenza di interrogazioni o interpellanze depositate sullo stesso argomento”. La richiesta che conclude la mozione è, come detto, una censura da parte del Consiglio comunale del “comportamento fino a oggi tenuto dal presidente”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*