Settimana intensa per la polizia municipale,
il plauso dell’assessore Milone

E’ stata una settimana intensa per la polizia municipale di Prato, impegnata con successo su molti fronti. E così, in sede di bilancio, l’assessore alla Sicurezza Aldo Milone non nasconde la sua soddisfazione per i risultati ottenti dal Corpo di piazza Macelli.
“Anche questa settimana – dice Milone – la polizia municipale ha svolto un intenso lavoro nel campo del contrasto all’illegalità e in quello della sicurezza stradale. Prima con il gruppo interforze che ha portato al sequestro in soli due giorni di 7 aziende, condotte da cittadini cinesi, e poi operando da sola sequestrando altri due immobili. L’uno, nonostante fosse stato dichiarato inagibile con ordinanza sindacale a seguito di un precedente controllo, era stato dato in affitto a cittadini extracomunitari che creavano seri problemi di convivenza nella zona di Maliseti, il secondo immobile, sito nel Macrolotto zero, era stato utilizzato in maniera abusiva come una sorta di albergo. Per non parlare dell’attività su strada che ha portato al sequestro di autovetture, prive di copertura assicurativa, e di automobilisti trovati alla guida con patente sospesa o addirittura privi del relativo documento, come pure il sequestro di capi d’abbigliamento, privi di relative etichettature, effettuato dalla sezione Commerciale in un negozio gestito da cittadino cinese e il lavoro della Unità ambientale nell’ambito dell’attività di contrasto al conferimento illegale dei rifiuti”.
“Con l’avvicinarsi delle festività natalizie – prosegue Milone – questa giunta sta predisponendo un piano per intensificare questi controlli su strada e anche per cercare di dare maggiore sicurezza ai cittadini che si recano in centro. Per concludere desidero esprimere la mia solidarietà e quella della giunta agli agenti delle varie Forze di Polizia che, in questi ultimi mesi, sono stati costretti a ricorrere alle cure ospedaliere ad opera di delinquenti nell’adempimento del loro dovere e per garantire la sicurezza dei cittadini”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*