CALCIO: 2011, UN ANNO DI RINCORSE PER IL PRATO

Sono tre i momenti da ricordare nel 2011 del Prato. Il primo è il gol di Varutti all’ultimo secondo della semifinale play off contro L’Aquila. Il secondo è il giorno in cui – reso ufficiale il ripescaggio – il Prato ha avuto la certezza di tornare in Prima Divisione. Il terzo è l’approdo in biancazzurro di Andrea Pisanu, sbarcato a Prato direttamente dalla Serie A. E’ stato comunque un 2011 fatto di rincorse per il Prato. I primi 5 mesi alla ricerca dei play off, poi raggiunti. E proprio i play off – o meglio una gara dei play off – rappresentano forse il momento più bello di tutto l’anno. La semifinale di ritorno contro L’Aquila è stata una delle partite più incredibili viste al Lungobisenzio. Nei 6 minuti di recupero è successo di tutto, col Prato passato dalla gioia al dramma
sportivo all’estati quando ormai nessuno ci credeva più. La rete di Varutti all’ultimo soffio ha lanciato il Prato nella finale poi persa con la Carrarese, ma un sondaggio su Facebook dei tifosi ha incoronato senza dubbi Prato-L’Aquila come partita dell’anno. Sfumato il sogno promozione sul campo, la gioia è comunque esplosa ad
agosto, quando è stata accolta la domanda di ripescaggio in Prima Divisione. A stretto giro di posta è poi arrivata anche la ciliegina, Andrea Pisanu, dal Bologna al Prato. Erano anni che in biaancazzurro non arrivava un giocatore di questo livello, sbarcato direttamente dalla Serie A. Dicevamo del 2011 di rincorse. Ed infatti anche da settembre a dicembre il Prato ha rincorso gli altri alla ricerca della salvezza. L’ultima gara del 2011 ha portato tre punti e una prestazione da urlo. Per il 2012 l’obiettivo resta la salvezza, magari da agguantare con qualche freccia in più all’arco di mister Esposito. Babbo Natale arriva troppo tardi per il mercato di riparazione, ma la Befana qualche dono dovrebbe portarlo.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*