Fuochi d’artificio al Lungobisenzio: cinque gol e un palo, ma alla fine è il Prato a gioire

Partita spettacolare e ricca di emozioni al Lungobisenzio. Alla fine i biancazzurri, dopo 90′ di battaglia, tornano a sorridere superando 3-2 la Salernitana. Primo tempo tutto di marca locale. Parte bene il Prato, che al 4′ si rende pericoloso con un gran tro da fuori di Silva Reis, deviato in corner da Gori. Sugli sviluppi del calcio d’angolo arriva la doccia fredda per la Salernitana, con Corvesi che raccoglie al limite dell’area un pallone vagante, ubriaca con una finta di tiro tutta la retroguardia avversaria e poi si presenta a tu per tu con l’estremo difensore campano, superandolo senza problemi e sancendo il vantaggio dei biancazzurri. Al 7′ è Lanini a scaldare i guanti a Gori, poco reattivo ma efficace in due tempi. Gli ospiti provano a reagire, ma i tentativi dei ragazzi di Gregucci sono tutti disordinati e il Prato si chiude bene in difesa. La Salernitana sembra aver accusato il colpo incassato a freddo, mentre i biancazzurri, sulle ali dell’entusiasmo, provano a mettere fin da subito una seria ipoteca sul match. I ritmi in campo sono abbastanza blandi. Le occasioni latitano, anche se la gara rimane combattuta, specie nella zona centrale del terreno di gioco. In un paio di ripartenze veloci Lanini viene fermato proprio all’ultimo dagli attenti difensori salernitani. La pressione ospite sul bunker laniero però aumenta col passare dei minuti, anche se il risultato non cambia. Gara intensa, ma stilisticamente non bellissima. Al 37′ la Salernitana prova a pungere con una splendida azione personale di Foggia, che ubriaca i suoi diretti avversari sulla corsia di destra e poi tenta un morbido pallonetto dal limite dell’area per soprendere Brunelli, senza però trovare lo specchio della porta. Al 41′ arriva invece il raddoppio del Prato, con Lanini che di testa segna il più semplice dei 2-0 su splendido assist di Corvesi, libero di crossare dalla corsia di destra. Il primo tempo non offre altre emozioni. Nella ripresa immediata girandola di emozioni. Al 50′ la Salernitana centra un palo clamoroso con Sembroni, ma poco dopo il Prato trova il 3-0. Serrotti sfugge sulla sinistra e mette al centro un cross basso che l’accorrente Romanò deve solo spingere in rete. Al 65′ Vagenin mette paura al Prato con una incursione in area di rigore ma al momento della conclusione, dopo aver fatto tutto molto bene, non trova la porta. Al 66′ una bomba su punizione del nuovo entrato Magnaghi costringe Gori alla respinta con i pugni. Al 69’la difesa del Prato si rilassa e ne approfitta Ginestra, troppo solo sul secondo palo, per sfruttare al meglio un cross dalla destra di Vagenin e realizzare il 3-1 che riapre i giochi. Al 72′ Magnaghi viene murato dall’uscita di Gori. Subito dopo il tentativo di lob aereo di Fofana termina di poco alto sulla traversa. Al 74’la Salernitana rientra in partita con un tiro insidioso di Volpe da fuori area, che si insacca alle spalle di Brunelli, un po’ sorpreso dalla conclusione. Due minuti dopo è Ginestra far paura ai biancazzurri direttamente su calcio di punizione, ma la sua conclusione arcuata sfiora soltanto il palo. Il Prato soffre, ma stringe i denti e porta a casa una grande vittoria.

Prato: Brunelli, Malomo, De Agostini, Roman, Lamma, Ghinassi, Romanò (75′ Bengala), Serrotti, Silva Reis, Lanini (16’st Magnaghi), Corvesi. A disp. Gabrieli, Bagnai, Armenise, Bengala, Grifoni, Gambardella. All. Esposito.
Salernitana: Gori, Scalise, Pasqualini, Perpetuini, Tuia, Sembroni, Foggia, Capua, Mendicino, Volpe, Fofana. A disp. Iannarulli, Luciani, Piva, Mancini, Vagenin, Mounard, Ginestra. All. Gregucci.
Girone B (32/a giornata):
Ascoli-Benevento 0-3
Barletta-Catanzaro 0-3
L’Aquila-Nocerina 3-0 (a tavolino)
Lecce-Frosinone 2-0
Paganese-Gubbio 2-2
Perugia-Pontedera 1-0
Prato-Salernitana 3-2
Viareggio-Grosseto 0-0
ha riposato il Pisa

Classifica: Perugia 62 punti; Lecce 61; Frosinone 59; L’Aquila 52; Catanzaro 51; Benevento 47; Pontedera e Pisa 46; Salernitana 45; Grosseto 41; Prato 39; Gubbio 37; Viareggio 28; Ascoli 24; Barletta 21; Paganese 17; Nocerina 12 (esclusa dal
campionato). Penalizzazioni: Ascoli -4.
Prossimo turno (domenica 27 aprile):
Benevento-Viareggio
Catanzaro-Paganese
Frosinone-L’Aquila
Grosseto-Prato
Gubbio-Ascoli
Nocerina-Barletta
Pisa-Lecce
Salernitana-Perugia
Riposa il Pontedera.

3 Commenti

  1. Ho sentito che paolo toccafondi ha avuto da ridire verso quei 100/200 tifosi presenti oggi alla partita gli vorrei ricordare che se quello che hanno fatto ha Prato in questi circa 40 anni l’avessero fatto in qualche altra città forse un avrebbe neanche la bocca per parlare e mi fermo qui.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*