Idv pratese commissariata, Donzella accusa: “Messo da parte perché ho denunciato l’assessore provinciale”

Da ieri l’Idv pratese è stata commissariata. L’ha deciso la segreteria regionale. La scelta è stata motivata col fatto che il segretario provinciale Donzella avrebbe arrecato un grave danno al partito. E’ lo stesso Donzella a fornire la sua verità dei fatti.

“Un comunicato della segreteria regionale motiva la mia rimozione da Coordinatore Provinciale di Prato ed il conseguente commissariamento ad un non precisato “grave danno da me inferto al partito. Preciserò io – spiega Donzella – Ho denunciato a livello regionale e nazionale la grave omissione compiuta dal nostro Assessore Provinciale, che da Gennaio 2013 non versa al partito il contributo obbligatorio di carica pubblica, statutariamente prescritto nel dieci per cento della retribuzione lorda, che in sedici mesi ammontano a più di seimila euro. Tutto il Partito nei vari livelli, ha tenuto un’omertosa copertura di questo gravissimo comportamento, mentre l’ articolo 4 del nostro statuto nazionale prevede che “La non osservanza di tale onere per oltre tre versamenti periodici comporta la decadenza dell’iscrizione dal partito e di qualsiasi carica o incarico svolto per conto del partito stesso.”
Per di più, data l’ esiguità del nostro conto provinciale in banca, in accordo con la maggior parte del coordinamento provinciale, sono stato costretto a disdire l’ affitto dei locali della nostra sede Provinciale in Via del Porcellatico 27, nel cuore del centro storico.
Pertanto L’ Italia dei Valori di Prato dal Primo Giugno, non avrà più la propria sede.
Con quella cifra che non intaschiamo più come dicevo da sedici mesi, avremmo potuto pagarci la pigione almeno per un altro anno.
Ma L’ Italia dei Valori, che si proclama il partito della trasparenza e del rispetto delle regole, chissà perché non ha mai assunto nessun provvedimento nei riguardi di questa persona, l’ unico che ha denunciato la situazione è stato il sottoscritto ed in questo consiste il “ grave danno inferto al partito”, per il quale è stato rimosso dal proprio incarico.
Qualcuno mi spieghi il perché della copertura di questa grave trasgressione” conclude Donzella.

 

4 Commenti

  1. Ma scusa che ti svegli ora? Che ci volevano questi fatti per capire di aver militato in un partito di ridioli? Abbi pazienza Donzella se tu eri un po’piu’ prespicace tu avresti dovuto capire che Di Pietro e c da quando sono entrati in politica hanno fatto piu’ male della grandine!

  2. O dillo a me, ho combattuto arrivando fino al delegato nazionale x i contributi obbligatori mai versati dai consiglieri comunali pratesi,ma alla fine sono stato io xke mi hanno emarginato. Col senno di poi dico bene così è stato meglio x me, ma io come lei ero x le regole e il loro rispetto infatti ora ho capito che quel partito non fa x me

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*