Spacciatore arrestato dopo un lungo inseguimento da un poliziotto che sfrutta gli “strappi” degli automobilisti di passaggio

E’ stato arrestato dopo un lungo inseguimento – ed anche grazie ad alcuni automobilisti di passaggio – lo spacciatore marocchino fermato ieri dalla polizia. Intercettato in via da Filicaia, alla vista della polizia il pusher è fuggito. Rintracciato successivamente in un bar di via Bologna, lo spacciatore si è dato nuovamente alla fuga. Un poliziotto ha cominciato l’inseguimento a piedi e, sfruttando anche alcuni passaggi volanti di alcuni automobilisti, è riuscito a raggiungere il fuggitivo in via Cerutti. La perquisizione nell’abitazione del 40enne marocchino ha permesso di trovare 11 involucri di cocaina e 970 euro in contanti. Il 40enne, fuggito nel luglio 2013 dal Cie di caltanissetta, è stato arrestato per spaccio.

 

10 Commenti

  1. E giustamente Biffoni vuol levare le ronde miste e l’assessorato alla sicurezza…

    Poeri pratesi

  2. Per Biffoni e compagni di merende son tutte risorse! Siamo noi che siamo dei razzisti!! Poerannoi come ci si ritroverà!!

  3. Ma quelli che scappavano dai centri di accoglienza non lo facevano per andare nel nord Europa?

  4. Caro Gabriele fa bene il Biffoni a levare sia le ronde che l’assessorato alla sicurezza. Le prime che circolano solo di giorno, quando invece sarebbe necessario circolassero anche di notte non hanno mai catturato nessuno, se si eccettuano 2-3 interventi in 5 anni, il secondo ovvero l’assessorato alla sicurezza è stato utile solo a Milone permettendogli di acquisire una immagine che purtroppo gli ha consentito di essere rieletto. Per il resto solo spettacolarizzazione dei problemi e basta.

  5. Sto molto in centro, moltissimo, e non ho mai visto alcuna ronda inseguire qualche spacciatore. Basta vederli per la sicurezza? Chissà. Gli spacciatori però le vedono e vanno oltre. Ci vuole altro!!! Magari più VERA determinazione.

  6. ok e quindi l alternativa di biffonzie quale sarebbe..ma giustamente dal 26 maggio a prato abbiamo cambiato registro

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*