11 Ottobre 2014

Controlli degli ispettori Asl, Milone attacca: “Qualcuno ha verificato se ci sono lavoratori a nero?” E annuncia un esposto contro Rossi


“Dati sui lavoratori a nero non ne sono stati forniti perché c’è stata una vera e propria omissione di controlli”. A pochi giorni dal primo bilancio sul piano straordinario per la sicurezza voluto dalla Regione Toscana, Aldo Milone, leader del movimento Prato Libera e sicura, denuncia l’inefficacia dei controlli effettuati dai tecnici Asl ed è pronto a scommettere che su 68 aziende controllate, considerando una media di dieci dipendenti ciascuna, ci siano 670 lavoratori irregolari. Se finora non ne sono stati rilevati è solo perché durante le ispezioni non sarebbe stata effettuata alcuna verifica sulla posizione contributiva degli operai. Il servizio degli ispettori reclutati dalla Regione, infatti, ha competenze relative soltanto alla sicurezza dei luoghi di lavoro, diversamente della squadra interforze che operava precedentemente, verificando tutti gli aspetti dell’illegalità. Il rischio individuato da Milone è venga dato il certificato di legalità anche a quelle aziende che sfruttano la manodopera a nero. “Le aziende cinesi finiranno per chiedere loro stesse i controlli una volta capito bene il meccanismo – dice – se volevano trovare un modo per favorire le aziende illegali ci sono riusciti: delle 68 aziende controllate sono state effettuate comunicazioni per 60 notizie di reato, per le quali non è prevista la sospensione dell’attività. Nessuno però ha verificato l’eventuale presenza di lavoratori clandestini. La legge consente la sospensione dell’attività in presenza del 20% di lavoratori a nero e io immagino che siano di più, dato che i controlli del gruppo interforze portavo a riscontrare una presenza del 99% di irregolari”. C’è poi una dichiarazione, che avrebbe detto il Governatore Rossi, per niente gradita da Milone, il quale sta valutando insieme a un legale se ci siano gli estremi per presentare un esposto alla Procura della Repubblica. “Un passaggio in cui Rossi dice che i clandestini sono una risorsa per l’economia locale e che se andassero via sarebbe un problema – riporta Milone – di fronte a questa affermazione credo ci siano gli estremi per un esposto per l’istigazione allo sfruttamento della manodopera: è come se Rossi invitasse i titolari a sfruttare clandestini poiché questi diventeranno una risorsa per l’economia locale”

Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
annibale
annibale
6 anni fa

Brutta bestia la gelosia…

pisolo
pisolo
6 anni fa

NO MILONE UN L’HA VERIFICATO NESSUNO GLI ASPETTANO CHE TU VENGA RIELETTO TE PER FARE LE VERIFICHE!

Gallonero
Gallonero
6 anni fa

Oh !!! Annibale t’hai ragione e t’hai controllato te bene nei trent anni precedenti cenni . Per favore, Milone dirà cavolate ma sui cinesi non accetto lezioni o commenti da sinistroidi come te !!!!

annibale
annibale
6 anni fa

Ahahahahahah che mito Pisolo

pisolino
pisolino
6 anni fa

Aldo, l’acredine fatta persona. Ma cosa blatera?

alby
alby
6 anni fa

posso anche capirvi se Milone e un vi garba, ma che Rossi abbia tentato in tutti modi di aiutare i cinesi anche se non rispettano le regole e lo capisce anche un bambino.

prometeo
prometeo
6 anni fa

Si un bambino con dei problemi di alterazione della verità…