24 Novembre 2014

Peretola, la Lega Nord critica Biffoni: “Inutile andare ai tavoli che contano se le decisioni sono già state prese”


“Sulla vicenda dell’ampliamento dell’aeroporto di Peretola sono state spese tante parole, spesso molto ben motivate da parte di semplici cittadini, comitati ben organizzati ma anche e soprattutto da partiti e movimenti politici.
Per questo motivo noi della Lega Nord di Prato abbiamo voluto attendere che fossero depositati tutti i ricorsi al TAR da parte dei promotori senza prendere posizione ufficialmente né firmandoli, affinché non diventassero mero strumento politico ideologico soffocando, di fatto, la voce dei cittadini comuni. Adesso, che le carte sono sul tavolo e i giocatori hanno scoperto il loro gioco noi della Lega Nord Prato, forti della libertà che gode la nostra sezione provinciale, slegata da inciuci trasversali e patti più o meno segreti, ci esprimiamo decisamente contro la realizzazione della pista parallela per motivazioni che sono così chiare da non essere necessaria una spiegazione lunga e dettagliata. Una su tutte la salvaguardia della salute dei nostri concittadini ma anche il devastante impatto ambientale che avrà nefaste ripercussioni sul territorio che riguarda anche Prato, oltre ai soliti giochi, più economici che politici, che ancora una volta vengono fatti sulla pelle della popolazione. Ognuno scelga il motivo in cui si riconosce di più! Noi della Lega Nord Prato confidiamo che sia la politica a dover fornire risposte chiare e soddisfacenti, e che sia la stessa politica a indicizzare coerentemente l’utilizzo delle risorse pubbliche in questo periodo dove a gli italiani sono richiesti molti sacrifici.
Per questa ragione ci ha stupito la scelta del sindaco Biffoni di non ricorrere al TAR, mezzo previsto dal nostro ordinamento giuridico proprio per da voce a coloro che vogliono contrastare in maniera legittima, una decisione presa da altri che va ad arrecar danno e vessare, in questo specifico caso, tutta la nostra città. Andare ai “tavoli che contano”, convocati dopo che ogni decisione è già stata presa ed i masterplan presentati, significa andare a cena al momento del dolce e del caffè, salvo poi pagare un conto più salato di quelli che hanno iniziato a mangiare con l’antipasto. Ecco l’importanza di riportare a chiare lettere il nostro pensiero sbattendo forte i pugni, sul quel tavolo, e facendo la voce grossa anziché accomodarsi “becchi e bastonati” come dicono i pratesi! Invece…dopo appena un paio di giorni il “nostro sindaco” dalla voce flebile ha ottenuto un contentino dal sindaco di Firenze e dall’assessore ai trasporti regionale. Badate bene, non dal governatore Rossi, ma solo dall’assessore. Ma al sindaco Biffoni voltagabbana, questo è bastato!
Poi, come detto, c’è la questione economica legata all’ampliamento di Peretola. Dato che noi siamo abituati a parlare alla gente e ad ascoltare i loro bisogni sul territorio invece che dal chiuso dei palazzi, ci chiediamo perché non sia stato preso in considerazione il progetto, forse troppo semplice per coloro che ci governano con scelte cervellotiche in Regione, di collegare l’aeroporto di Firenze con quello di Pisa seguendo gli ottimi esempi di Londra e Parigi. Allora ci viene il dubbio che ci sia altro sotto, che deve fare il tornaconto di qualcuno. Troppo facile sarebbe stato risparmiare soldi pubblici per potenziare la linea ferroviaria tra l’aeroporto toscano di Pisa con il capoluogo Firenze, unendo anche Lucca Pistoia e Prato con moderni treni di ultima generazione ad alta velocità. Sarebbe stata l’occasione per ovviare l’annoso problema dei treni regionali sempre in ritardo, sempre sporchi, sempre inefficienti. Sarebbe stato facile e con grandi benefici per tutti, ma poi uno come il sindaco Biffoni, cosa avrebbe avuto da pretendere dai “tavoli che contano?

Patrizia Ovattoni
Commissario Provinciale Lega Nord

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
pisolo
pisolo
7 anni fa

Ma icchè tu voi che ne sappia l’Ovattoni dell’aereoporto. Ma se nel vostro movimento hanno allignato gente come Belsito, che aveva messo da parte un tesoro in diamanti, gente che ha comprato le lauree in Albania come il figlio di Bossi, persone che vanno a provocare i Rom, gente che ha sostenuto il pluriindagato e condannato Silvio Berlusconi, personaggi squallidi come Borghezio, ma come fai ad affermare, cara Ovattoni che il tuo movimento è slegato da inciuci e patti segreti? Ma se i parlamentari del tuo partito hanno votato per la non conoscenza di Berlusconi che Ruby non era nipote di Mubarak, tu vuoi venire a dare lezioni di onesta’ politica? NOI PRATESI LA LOTTA CONTRO L’AMPLIAMENTEO DELLA PISTA DI PERETOLA CE LA FACCIAMO DA SOLI NON VOGLIAMO ESSERE PATROCINATI DA GENTE COME VOI NE’ ESSERE IN VOSTRA COMPAGNIA!