Tasi quanto mi costi: Prato quarta in Italia per importo medio da pagare sull’abitazione principale

Tari, Tasi, Imu, nomi e sigle con i quali i cittadini hanno loro malgrado preso sempre più confidenza. Sigle non proprio simpatiche, perché le scadenze significano esborsi. L’assessore al bilancio Faltoni nei giorni scorsi ha fatto sapere che la Tasi è stata pagata dal 95% dei cittadini, cosa che ha fatto incassare al Comune 3milioni e 600mila euro in più di quanto preventivato e ha permesso all’amministrazione di destinare 500mila euro ad un fondo per i rimborsi della Tasi alle famiglie più disagiate. Uno studio realizzato dal Caf Acli per conto del Sole 24 ore ha svelato che Prato è quarta in Italia per importo medio della Tasi sull’abitazione principale. Una coppia con un figlio con rendita di 35mila euro e una casa la cui rendita catastale è stimata sulla media cittadina pagherà 373 euro. Solo a Bari, Torino e Padova la stessa famiglia pagherebbe di più. Non va meglio per l’Imu sui capannoni. Lo studio rivela che chi possiede un fabbricato medio di categoria D/1 pagherà 4527 euro, con un incremento del 122% rispetto a due anni fa. Passando ai negozi di medie dimensioni, l’importo dell’Imu da pagare sarà di 796 euro, il più basso in Toscana. Ma rispetto all’Ici versata nel 2011 l’incremento è del 177%.

Cifre con le quali cittadini, commercianti ed imprenditori dovranno fare i conti a breve, perché le scadenze per i pagamenti si avvicinano. La prima botta è il saldo Tari, la tassa sui rifiuti. Chi non l’ha ancora fatto ha tempo fino a lunedì per pagare, col modello F24 spedito da Asm.
Lunedì data limite anche per pagare l’acconto Irpef per le persone fisiche.
Il 16 dicembre è invece la scadenza per saldare la Tasi (il cui acconto è stato versato ad ottobre) e l’Imu, che vale per tutti gli immobili ad eccezione dell’abitazione principale.

4 Commenti

  1. GRAZIE BIFFONI PER QUESTO PRIMATO.
    VISTO CHE SI è INCASSATO PIù DEL PREVISTO MAGARI ABBASSARE L’ALIQUOTA NO VERO……………
    HA DIMENTICAVO MA QUESTA è TUTTA UN’ALTRA STORIA

  2. Menomale abbiamo un sindaco di sinistra, ossia dalla parte del popolo!
    È proprio un’altra storia… Poerannoi

  3. Caro Matteo, che delusione! Avere casa a firenze conveniva di più! Sei stato un vero guadagno per noi pretesi! Ma questi st..zi di ceto media basso che non sono ricchi e nemmeno poveracci….a chi li fai i rimborsi con il mio sudore? Non ci sono parole!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*