Pallavolo: Andrea Beccani alla guida del Viva

E’ Andrea Beccani il nuovo tecnico del Viva Volley. Archiviata la festa per la promozione nella massima categoria nazionale, la società del Presidente Galeotti getta le basi per la stagione 2015-2016 e, riconsegnato Lamberto Polenzani, come da desiderata dello stesso allenatore, al suo ruolo di direttore sportivo, affida il timone della prima squadra alle mani esperte di Andrea Beccani.
Beccani reduce da quattro anni al Rinascita Firenze, con cui ha conquistato la salvezza in B2, partendo da una prima annata in Serie D, vanta esperienze precedenti ed altrettanto importanti a Montespertoli, dove ha ottenuto promozioni dalla I° Divisione alla Serie C, a Signa, Serie C e finali nazionali Under 15 in coppia con Marco Targioni, e nel settore giovanile del Borgo a Buggiano, dove ha contribuito alla maturazione e esplosione di giocatrici di livello come Focosi e Sasselli.
Tutto questo senza dimenticare i tre anni pratesi alla Renzo degli Innocenti quando, ad inizio anni ’90 regalò alla gloriosa società di Galciana stagioni e traguardi importanti in Serie C.
Insomma, un curriculum fatto di lavoro e di sviluppo di progetti pluriennali che ha convinto il presidente Galeotti ed il direttore sportivo Luciano Ridolfi ad affidargli il loro progetto di crescita del Viva Volley.
“Torno a Prato dopo tante esperienze importanti – dice il neo tecnico del Viva Volley – Gli ultimi anni a Firenze con il Rinascita sono stati meravigliosi e, anche grazie al presidente Elvana Veggian ed al dirigente Fabrizio Roatta, abbiamo raggiunto una salvezza in B2 che, partendo da un gruppo che quattro anni prima poteva considerarsi di Serie D evoluta, ha avuto il sapore dell’impresa. A Firenze, però, il ciclo era finito e adesso sono pronto ad aprirne un altro a Prato. Qui partiamo con un gruppo già ben strutturato. Una squadra che può regalarsi una stagione in Serie C tranquilla, di consolidamento, per poi, nell’arco di tre anni, attraverso la crescita e qualche innesto, puntare alla categoria nazionale. Insomma, un altro progetto stimolante che mi riporta a Prato con il massimo entusiasmo”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*