10 Novembre 2015

Carabinieri sospendono l’attività in 12 aziende cinesi


Ben 12 aziende cinesi su 19 visitate ieri a Prato dai carabinieri del nucleo tutela del lavoro sono risultate irregolari. In particolare, su 153 lavoratori identificati, 74 sono risultati a nero: proprio l’alto numero di addetti in nero (superiore al 20% della forza lavoro) ha comportato provvedimenti di sospensione dell’attività. Inoltre, un certo numero di lavoratori stranieri impiegati è risultato privo di permesso di soggiorno: ragione per cui 4 imprenditori sono stati denunciati. Ammontano ad un totale di 135mila euro le sanzioni amministrative e a 49.500 euro le ammende. Per le 12 aziende controllate ieri dai carabinieri ispettori del lavoro di Siena e di Roma non è finita qui: in sede di ricontrolli contributivi, sono stati effettuati recuperi per centinaia di migliaia di euro.

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alessino
Alessino
5 anni fa

E 25 anni che i cinesi sono a prato ancora non si sono regolarizzati! L’italiano lo sanno molto bene ma dicano io non capile! Se non si sono regolarizzati fino ad oggi vuol dire che ci prendono soltanto in giro!