Air e Public Service Broadcasting, in piazza Duomo l’elettronica tra passato e futuro FOTO

Air e Public Service Broadcasting. L’ultima serata di concerti del cartellone di Settembre Prato è Spettacolo chiude con due dei gruppi più interessanti del panorama rock-elettronico. Nomi internazionali che proiettano il cuore del centro storico direttamente nel futuro.

Ad aprire lo spettacolo sono i Public Service, astro nascente della musica britannica. Devoti alla tecnologia, arrivano da Londra e sembrano destinati ad andare lontano. Con i loro primi dischi hanno attirato l’attenzione della critica e presto registreranno un nuovo album. Il loro tratto distintivo è l’uso di audio e video tratti da filmati storici e pellicole di propaganda d’archivio, accompagnati dalla strumentazione live.

Gli Air mancano invece da ben sei anni sui palcoscenici di tutto il Paese. I fan arrivano in città da fuori regione pur di non perdere lo spettacolo degli inventori del French Touch che hanno fatto del loro acronimo – Amore, Immaginazione e Sogno – un manifesto del loro percorso. A Prato celebrano la loro carriera che dura da oltre vent’anni e da cui, non a caso, prende il nome il loro ultimo progetto musicale: “Twentyears”, un’antologia composta da due dischi che ricalca il loro dna. L’elegante elettronica che gioca con tutte le sfumature del pop e che dà vita a sonorità facilmente riconoscibili.

Il festival della città prosegue domani sera con il concerto in piazza Duomo della Camerata Strumentale Città di Prato.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*