“Barbapapà”: Biffoni e la Mussolini si prendono a male parole su Rete 4

Alla fine si sono presi a malaparole. Da una parte il sindaco Matteo Biffoni, dall’altra Alessandra Mussolini. Entrambi erano ospiti questa sera della trasmissione di Rete 4 “Dalla vostra parte”, condotta da Maurizio Belpietro. L’ennesima, gridata, dedicata al tema “Invasi da immigrati” come recitava il titolo. Che proseguiva: “Ci vuole il muro. Non possiamo accogliere tutti”.

Durante la trasmissione, tra gli altri, anche un collegamento da Firenze, quartiere Peretola. Dopo un serrato dibattito, con insoliti, accesi “siparietti” tra i fiorentini e il sindaco di Prato, il dibattito si è accalorato al punto che il sindaco e l’europarlamentare non se le sono proprio mandate a dire: “Mussolini – ha urlato Biffoni – lascia perdere, che tu non hai mai gestito nulla in vita tua. Tu sei lì per sbaglio – ha aggiunto – in Europa ti c’hanno mandato perché non avevi idea di dove metterti. Fai ridere”.

E l’eurodeputata, per tutta risposta: “Barbone, tu non puoi rappresentare le istituzioni perché forse con quella barba non sai la differenza tra un clandestino e un rifugiato”. E, ormai concentrata sui peli che coprono le guance al primo cittadino pratese, alla Mussolini, nella foga, all’indirizzo di Biffoni è scappato pure un… “barbapapà” .

Clicca qui per guardare la puntata di stasera di “Dalla vostra parte”. Il “siparietto” finale è dal minuto 37

10 Commenti

  1. Caro Matteo questa volta te lo devo proprio dire: Bravo!! La Mussolini non si meritava e non si merita altro.

  2. Ma il bello glie che si pagano noi questi due………io sono di Prato e alle invasioni ci siamo “abituati “vedi cinesi….comunque bisogna dire una cosa se a Prato un c’erano i cinesi come si faceva con il Macrolotto e tutte le case slitte? ??????

  3. Secondo ne a una trasmissione del fenere su rete4 poi non doveva neppure presentarsi, sapere che c’era la Mussolini doveva essere un ulteriore deterrente; mi chiedo poi con che faccia a parlare dopo essere stata per circa 20 anni a gravitare nei vari governi non mi sembra che la sua presenza sia servita a molto, per ultima cosa lo scamdalo del marito associato a fatti gravissimi non mi pare l’abbiano scossa più di tanto, e pensa alla barba del sindaco ..mha!

  4. @ Cincia.
    Io qui avevo scritto la cruda verità su quanto accaduto alla Mussolini con suo marito, il quale ha patteggiato per non andare a processo perchè “frequentava minorenni a pagamento”.
    Non me l’hanno passata.

  5. ….mi chiedo come mai Matteo non accolga qualcuno di queste persone a casa sua!……. glielo chiederei x avere una risposta…vera… ma forse non arriverebbe mai!… glie’ un ragazzo…… un barbapapá…. Mussolini ti stringo la mano anche se non ti conosco!

  6. ma per andare in quella trasmissione lo pagano il sindaco di prato? ma quanto guadagna all’anno?

  7. Sono di prato,e il problema esiste seriamente non passa giorno che nn succeda qualcosa,gente che t strappa la catenina dal collo,xsone che t vengono dietro appena esci dal supermercato,liti sull autobus xké nn hanno biglietto,non sono razzista,ma bisogna avere delle regole e aiutare chi ne ha veramente bisogno,a iniziare dagli Italiani,non si può dargli le case popolari a loro subito!sono aiutati in tutto senza criterio,quelli che vedo io passano le giornate ad ascoltare musica,su e giù senza fare niente!certo a qualcuno conviene farli passare tutti altrimenti nn si spiega un invasione del genere.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*