Topi nell’asilo nido: il Comune chiude temporaneamente la struttura, 49 bambini saranno spostati FOTO e VIDEO

Questa mattina sono stati avvistati dei topi all’interno dell’asilo nido Orto del Lupo di via San Vincenzo e per questo il servizio della Pubblica istruzione del Comune ha disposto la chiusura temporanea della struttura. Nella foto sotto, la scena che le nostre telecamere hanno potuto filmare poco dopo le 16: un piccolo roditore intrappolato a poca distanza da dove i bambini fino a poche ore prima dormivano e giocavano. 

I genitori avevano da tempo denunciato problemi di igiene, come infestazioni di formiche agli armadietti e problemi di coesistenza con il cantiere che interessa il primo piano dell’edificio, per la ristrutturazione delle cucine e dei locali di una sezione del nido. Segnalazioni che erano sfociate, venerdi scorso, in un esposto all’Asl.

Il Comune risponde che i lavori sono stati eseguiti seguendo le indicazioni del responsabile della sicurezza e che si concluderanno entro fine mese. Per quanto riguarda la disinfestazione, da 5 settimane sono state posizionate trappole in colla da parte di Asm. Ma adesso ad asilo chiuso saranno effettuati interventi più pesanti di derattizzazione.

Il Comune ha individuato una soluzione per permettere ai bambini di continuare a svolgere l’attività del nido con le stesse insegnanti in tre altre strutture: a partire da dopodomani 20 bimbi saranno ospitati nei locali della scuola dell’infanzia Caritas, 15 al nido Arcobaleno e 14 all’asilo nido Galilei. Uno spostamento che è stato comunicato oggi pomeriggio alle famiglie, le quali domani dovranno fare a meno del servizio, visti i tempi necessari per allestire i nuovi spazi.

Sotto il video con le interviste ai genitori dei bambini e all’assessore Maria Grazia Ciambellotti

Due mesi fa l’asilo Orto del Lupo fu al centro delle cronache per un altro episodio grave, che avrebbe potuto avere conseguenze drammatiche: un grosso albero presente nel cortile precipitò e distrusse una casetta gioco (leggi l’articolo). Per fortuna il crollo è avvenuto quando la struttura era chiusa e nessuno si trovava al suo interno.

1 Commento

  1. è triste e raccapricciante mostrare immagini di un topino agonizzante come anche il primo piano dei liquami dentro ai tombini ma dove siamo finiti scusate ma cercare di filtrare un pochino grazie saluti anna

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*