Due donne rapinate in una notte: la polizia arresta i banditi grazie alla collaborazione dei cittadini

Sono stati arrestati stanotte dalla polizia, grazie alle tempestive chiamate al 113, due malviventi che avevano rapinato due donne.
Il primo episodio è avvenuto in via dei Gobbi poco dopo le 22,30. Un cittadino marocchino di 32 anni, pregiudicato e senza fissa dimora, ha aggredito una 23enne cinese che si accingeva a rincasare. La vittima è stata picchiata, strattonata e fatta cadere a terra fino a che non ha lasciato l’I-phone che aveva in mano. La giovane si è rialzata e ha tentato di inseguire il bandito, ma ha dovuto presto desistere a a causa del giramento di testa provocato dalla caduta. Il rapinatore è stato rintracciato dalla polizia all’interno di un terratetto abbandonato di via Filzi, grazie all’applicazione Trova il mio I-phone che ha consentito di localizzare l’apparecchio. Gli agenti hanno fatto squillare il cellulare e hanno arrestato il 32enne che stava riposando sdraiato su un materasso in una stanza dell’abitazione. Oltre al cellulare, i poliziotti hanno trovato e sequestrato anche piccole quantità di hashish. La vittima è stata trasportata in ospedale per le cure del caso.

Il secondo episodio è avvenuto poco prima delle 2 del mattino nel piazzale della direttissima, dietro la stazione centrale, quando un cittadino del Gambia – lo stesso che era stato trovato domenica pomeriggio ubriaco a disturbare famiglie e bambini al Parco dell’ex Ippodromo – ha picchiato a calci e pugni una prostituta nigeriana, per rapinarla del cellulare dopo che la donna aveva rifiutato un rapporto sessuale. Alcuni passanti che hanno assistito alla scena hanno chiamato il 113: le volanti sono intervenute rapidamente e hanno arrestato il 28enne, che ha provato inutilmente a disfarsi del cellulare.

La Questura tiene a sottolineare l’importante e decisiva collaborazione, in questa come in altre operazioni, dei cittadini, che con una tempestiva segnalazione al 113 hanno permesso alle volanti di intervenire celermente e rintracciare i responsabili di due rapine.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*