BpVi, vertice tra Procure: l’indagine pratese potrebbe confluire a Vicenza

Vertice tra Procure sull’inchiesta Banca Popolare di Vicenza. Il procuratore capo Giuseppe Nicolosi e il sostituto Laura Canovai si sono recati ieri nella città veneta per un aggiornamento sulle rispettive indagini. Presenti anche i magistrati della Procura di Catanzaro. Al centro del confronto, la qualificazione giuridica dei fatti e la procedibilità, legata alla competenza territoriale.
Ancora non sono state assunte decisioni, ma si va verso una riunificazione dei fascicoli a Vicenza, dove gli ex amministratori della Banca devono rispondere anche di aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza.

Se alla Procura di Vicenza sono giunte ben 4000 denunce da parte di soci che hanno visto azzerato il valore delle azioni, a Prato si sono rivolti alla magistratura penale meno di venti persone. In un primo momento le ipotesi di reato contestate nella nostra provincia erano estorsione e truffa. Dopo l’acquisizione di nuovi elementi e la consulenza, affidata al commercialista Leonardo Poggiali, la Procura pratese ha indirizzato l’inchiesta verso l’ipotesi della truffa, che è perseguibile a querela di parte. Alcuni casi, nei quali l’accusa era scaturita d’ufficio per l’ipotesi di estorsione, potrebbero dunque essere archiviati.
Sono sedici i dipendenti della Banca Popolare di Vicenza indagati a Prato: nel mirino degli inquirenti sono finiti i metodi utilizzati per spingere piccoli imprenditori a comprare le azioni della Banca, pena la revoca o la mancata concessione degli affidamenti.
La posizione degli sportellisti pratesi potrebbe tuttavia alleggerirsi se trovasse conferma quanto emerge da numerose testimonianze e prove, quali mail interne provenienti dal top management: l’esistenza di direttive precise per collocare le azioni in maniera spregiudicata. Ma se da una parte si tentava di convincere con ogni mezzo i piccoli risparmiatori a comprare azioni dal valore artefatto, dall’altra si concedevano a soci “top”, possessori di grossi pacchetti fra cui anche alcuni pratesi, garanzie sulla restituzione delle quote, senza rispettare l’ordine con cui arrivavano le richieste da parte degli altri soci.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*