Sottopasso del Soccorso, il Cipe stanzia 5 milioni di euro

Il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha deliberato la destinazione della quota residua del fondo sviluppo e coesione (Fsc) non spesa nelle annualità 2007-2013. Di questa quota 5 milioni sono stati destinati al raddoppio tramite interramento del viale Leonardo da Vinci, all’altezza del Soccorso. Si perfeziona con questo atto la copertura finanziaria dell’intervento a seguito della quale sarà possibile, dopo gli accordi operativi già sottoscritti tra Comune e Anas Toscana, concludere l’accordo nazionale che definirà ruoli e compiti in relazione alla realizzazione dell’opera.
Intanto i tecnici stanno procedendo alla progettazione del tunnel, mentre gli uffici comunali stanno progettando le sistemazioni di superficie che permetteranno di non interrompere mai del tutto il collegamento est-ovest durante il cantiere. La realizzazione del tunnel Soccorso permetterà in superficie una riqualificazione dell’intera area con l’inserimento di un’importante area verde. I due progetti preliminari saranno pronti entro il 31 gennaio 2017 e, grazie alla copertura finanziaria adesso perfezionata, si potrà procedere speditamente alla progettazione esecutiva e all’appalto dei lavori.
“La certezza delle risorse e la qualità del progetto sono gli assi fondamentali su cui si poggia un lavoro importante per dare una risposta a due fondamentali problemi della città, la soluzione della viabilità lungo il principale asse viario e la riqualificazione di una delle zone più densamente abitate di Prato – sottolinea il sindaco Matteo Biffoni, oggi a Palazzo Chigi proprio per seguire lo sviluppo dei finanziamenti e progetti relativi alla città di Prato, a partire dal tunnel di viale Leonarod da Vinci -. Non si tratta di risolvere soltanto il problema delle code, ma di dare nuovo volto a un’area importante: per chi arriva a Prato trovare alla porta di accesso di Prato est la struttura rinnovata del Centro Pecci e poi un’area verde di grande impatto sarà un biglietto da visita anche sotto il profilo urbanistico di non poco conto. Per i pratesi, residenti al Soccorso ma non solo, sarà un segno importante di inversione di tendenza rispetto a politiche urbanistiche che guardano alla vivibilità e alla qualità dei progetti”.

“Come scritto nel programma del sindaco Biffoni e del Partito Democratico, un progetto di alta qualità sarà realizzato a breve per un’area della città della quale si discute ormai da molto tempo”. Così il segretario provinciale del Partito Democratico Gabriele Bosi in merito allo stanziamento dei fondi per l’interramento della Declassata. “Il Soccorso infatti avrà modo, grazie ai 5 milioni sbloccati oggi dal Cipe e destinati al progetto di interramento della Declassata, di vedere risolti i problemi legati alla vivibilità del quartiere, mentre tutta la città vedrà risolto allo stesso tempo un importante nodo della mobilità urbana. La buona politica si traduce in azioni come questa: dall’ascolto e dall’emergere di una necessità ci si muove per governare tutti i processi necessari per un cambiamento reale, e la notizia di oggi è un base concreta per veder partire già nei prossimi mesi i lavori che ridaranno dignità a un quartiere e forniranno una risposta a un’esigenza di migliore viabilità sentita da tutta Prato”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*