Premio Santo Stefano, domani la cerimonia in diretta su Tv Prato. Ospite il ministro Poletti

Il premio Santo Stefano scalda i motori. Domani alle 10,30 nell’auditorium della Camera di Commercio sarà consegnato il prestigioso riconoscimento, giunto quest’anno alla settima edizione, assegnato alle aziende del distretto industriale cittadino che si sono contraddistinte per la tenuta e il rilancio del lavoro in modo etico e nel rispetto delle regole. Ospite d’onore della cerimonia sarà il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti. Tre le aziende vincitrici, i cui nomi sono stati annunciati dal vescovo Franco Agostinelli il 26 dicembre scorso al termine del solenne pontificale celebrato nel giorno del patrono della città: Cap, la storica cooperativa di autotrasporti di Prato, la società che con i suoi bus collega l’intera città e accompagna i pratesi nelle gite e nei viaggi in Italia e all’estero. Il Biscottificio Antonio Mattei, conosciuto non solo in città ma nel mondo con il nome di «Mattonella», il forno che ha contribuito a diffondere, e a far apprezzare, i biscotti di Prato a livello internazionale. Il Lanificio Cangioli, una tra le imprese storiche del distretto tessile, un nome conosciuto nel settore da oltre 180 anni. Tre imprese leader nei rispettivi settori che hanno saputo portare il nome di Prato in Italia e nel mondo.

Domani, nel corso della cerimonia, verranno lette le motivazioni che hanno portato alla scelta delle tre aziende vincitrici. La premiazione sarà trasmessa in diretta televisiva sulla nostra emittente, in streaming sul sito www.tvprato.it o attraverso il social network twitter utilizzando l’hashtag #stefaninoprato. La cerimonia sarà visibile in replica domenica 5 febbraio in prima serata.

In sette edizioni sono state premiate 29 aziende, di cui 18 sono del comparto tessile, mentre le altre sono impegnate in diversi settori: alimentare, edile, elettronica e hi-tech, cosmetico e meccanico. Quest’anno il Premio ha avuto una novità: le imprese candidate al riconoscimento potevano essere segnalate al Comitato promotore direttamente dai cittadini o dagli stessi dipendenti delle aziende attraverso il sito web della Diocesi di Prato nell’apposita sezione dedicata allo «Stefanino».

Il riconoscimento è promosso da Diocesi, Comune, Provincia, Camera di Commercio e Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, a realizzare il premio l’artista pratese Gabriella Furlani.

Adr

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*